Ultimo aggiornamento venerdì 14 agosto ore 23:08

Seguici su:

FacebookInstagramTwitter

{icon.url}14 Agosto 2020 - ore 21:08 Redatto da Meteo.it

L'effetto Stau si genera tutte le volte in cui le correnti atmosferiche impattano perpendicolarmente contro una catena montuosa. L’aria, costretta a salire lungo il pendio della montagna (sollevamento forzato o orografico), si raffredderà adiabaticamente. Il raffreddamento favorirà prima la saturazione dell’aria, poi la condensazione del vapore acqueo in eccesso. Ne conseguiranno la formazione di nubi e lo sviluppo di precipitazioni (sotto forma di pioggia o neve) nel versante sopravento della montagna. Nel discendere poi sul lato sottovento la massa d'aria, ormai secca, si riscalda per compressione, dando luogo ad un vento caldo e secco denominato Föhn.

Voci in ordine alfabetico
Tendenze
Caldo estremo, ecco quando finirà
Caldo estremo, ecco quando finirà
Nelle zone più roventi supereremo i 40 gradi, ma le cose cambieranno tra alcuni giorni...
Meteo città

Meteo Italia

Meteo Europa

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154