FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Ondate di calore, siccità, incendi e alluvioni: ecco come il riscaldamento globale fa aumentare gli eventi estremi

La spiegazione di come il cambiamento climatico sta facendo crescere anche eventi estremi diversi come ondate di calore, siccità, incendi e alluvioni
26 Aprile 2024 - ore 10:41 Redatto da Meteo.it
26 Aprile 2024 - ore 10:41 Redatto da Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Le ultime sono state le drammatiche alluvioni in Paese desertici come Dubai, Oman e Yemen, rarissime in queste aree. Non c’entrava la “semina” artificiale delle nuvole per far piovere come ha detto qualcuno: sarebbero state provocate o almeno “ingigantite”, come dimostra uno studio appena pubblicato, dal riscaldamento globale. È quello che succede per molti eventi estremi in aumento, anche in luoghi inusuali. La Bbc spiega nello specifico le diverse dinamiche.

1. Piogge torrenziali

Per ogni grado Celsius, l’atmosfera incamera il 7% di umidità in più attraverso l’evaporazione. L’analisi è della Nasa. La conseguenza, con un aumento di temperature che nell'ultimo anno è già di oltre +1,5° rispetto all’era precedente l’industrializzazione di massa (più del limite massimo fissato dagli accordi di Parigi del 2015), è una corrispondente crescita di nuvole e piogge torrenziali, anche concentrate in aree e spazi temporali più piccoli. Le tragiche alluvioni in Libia in autunno, come tutte quelle che purtroppo già conosciamo in aree meno “insolite”, ne sarebbero una dimostrazione.

2. Ondate di calore

Basta anche un piccolo aumento delle temperature medie per scatenare grandi differenze per le ondate di calore, sia per la loro durata sia per i picchi raggiunti. Lo testimoniano le ultime estati. Un esempio? In questo mese di aprile in Mali si sono toccati i 48,5 gradi: un record del genere sarebbe stato impossibile, secondo studi World Weather Attribution (Wwa), senza il cambiamento climatico provocato dall’uomo attraverso l’emissione di gas che scatenano l’effetto serra nell’atmosfera. La stessa dinamica vale per le altre ondate di calore che hanno coinvolto di recente molte zone del pianeta, Italia compresa.

3. Siccità

Il collegamento scientifico dei singoli episodi di siccità con il riscaldamento globale non sembrerebbe immediato, viste le numerose variabili che riguardano la disponibilità delle risorse idriche sulla Terra. Ma le ondate di calore legate al cambiamento climatico le peggiorano prosciugando il suolo e questo, a sua volta, fa aumentare la temperatura dell’aria e il caldo intenso. Le ondate di calore fanno crescere poi la domanda di acqua, specialmente per l’agricoltura, facendo calare ulteriormente le riserve idriche. Il riscaldamento globale ha reso soprattutto, in media, i vari episodi di siccità più lunghi nel tempo e molto più probabili, sempre secondo analisi Wwa.

4. Incendi

È complesso anche il collegamento dei singoli roghi. Il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Ipcc) evidenzia però come il riscaldamento globale ne amplifichi in generale la diffusione e la pericolosità con il caldo e la maggiore siccità che letteralmente alimentano incendi devastanti e soprattutto veloci nel diffondersi. Lo abbiamo visto di recente in Canada, ma anche in Italia ne abbiamo chiare evidenze. Incide in questo pure l’aumento dei fulmini. Il Programma delle Nazioni Unite per (Unep) prevede, se non interverremo, un aumento degli “incendi estremi” del 50% entro il 2100.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo: fino a mercoledì 29 maggio tempo instabile. A inizio giugno valori da piena estate? La tendenza
Meteo: fino a mercoledì 29 maggio tempo instabile. A inizio giugno valori da piena estate? La tendenza
Fino a metà della prossima settimana si avranno ancora piogge e temporali, nei giorni a seguire è possibile un clima da piena estate. Ecco dove
Mediaset

Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Maggio ore 09:49

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154