FacebookInstagramXWhatsApp

Partita Artemis 1: dopo 50 anni torniamo sulla Luna

Artemis 1, è partito il razzo Nasa, l'uomo pronto a tornare sulla Luna a 50 anni dalla missione Apollo. E in volo verso il suolo lunare c'è anche un po' di Made in Italy
Spazio17 Novembre 2022 - ore 12:09 Redatto da Redazione Meteo.it
Spazio17 Novembre 2022 - ore 12:09 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

A cinquant'anni dalla missione Apollo l'uomo sembra pronto a tornare sulla Luna. Dopo ripetuti rinvii infatti, è partita ieri Artemis 1, prima fase della missione Nasa che serve da apripista alla seconda missione, che riporterà l'essere umano a calpestare il suolo lunare.

Artemis 1 della Nasa, lancio riuscito

Dopo i numerosi rinvii delle scorse settimane dovuti prima ai problemi dei sensori, anomalie nella pressione e perdite di idrogeno liquido, e successivamente al maltempo il vettore Nasa SLS con alla sommità la capsula Orion si è finalmente staccato dal suolo terrestre ieri - mercoledì 16 novembre alle 7.47 ora italiana - diretto sulla Luna. Dopo gli ultimi annullamenti - dovuti prima all'arrivo dell'uragano Ian e poi della tempesta tropicale Nicole - il razzo è partito dalla piattaforma 39B del Kennedy Space Center, in Florida.

Il programma Nasa è quindi ufficialmente operativo, ed è il primo passaggio di un progetto più complesso che riporterà l'uomo - mezzo secolo dopo lo storico sbarco sulla Luna - a calpestare il suolo lunare. Ricordiamo che Artemis 1 è un razzo senza equipaggio, una sorta di "volo di prova" in vista di un successivo lancio che riporterà il primo uomo e la prima donna sul suolo lunare.

Immagine Nasa - il momento del lancio di Artemis 1

Missione esplorativa di 26 giorni per Artemis 1

La missione esplorativa Orion arriverà fino a 100 km di altezza dal suolo lunare, scatterà molte foto allontanandosi poi fino a 70.000 km e tornerà sulla Terra il prossimo 11 dicembre. In un arco temporale di 26 giorni si concluderà così la prima missione di Artemis con il collaudo finale dello scudo termico che protegge la navicella.

Orion rientrerà nella nostra atmosfera a oltre 26.000 km/h e sarà rallentato dall'apertura contemporanea di ben 11 paracaduti che ridurranno la velocità fino a raggiungere una quarantina di chilometri orari.

Artemis 1 Map

C'è un po' d'Italia in volo verso la Luna

A bordo del razzo c'è un po' di tecnologia italiana. Subito dopo il decollo Orion ha dispiegato i grandi pannelli solari Made in Italy, costruiti da Leonardo - azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza che vede nel Ministero dell'Economia e delle Finanze il suo maggior azionista - che ha anche messo a punto il sistema di distribuzione di potenza della navicella.

La missione avrà poi un videoreporter di eccezione, Argomoon - dell'italiana Argotec - costruito grazie alla nostra Agenzia spaziale Asi, che ovviamente ha contribuito a tutta la partecipazione italiana. Il piccolo satellite, uno dei 10 trasportati verso la Luna dalla missione, si staccherà presto e letteralmente riprenderà ogni mossa di Orion, fino alla Luna.

Prime immagini della Terra da Orion

Sono passate poco più di ventiquattr'ore dal lancio di Artemis 1 e Orion ha già inviato le prime emozionanti immagini della Terra ripresa dal mega-razzo della Nasa. E, se le immagini che arrivano del nostro Pianeta visto dall'alto sono impressionanti, sicuramente quelle che Orion si prepara a regalarci del suolo lunare sapranno toglierci il fiato.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Luna piena del Cervo 2024, sarà una Superluna?
    Spazio19 Luglio 2024

    Luna piena del Cervo 2024, sarà una Superluna?

    Luna piena o Superluna del Cervo? Il plenilunio di luglio vedrà un disco lunare più grande e luminoso del solito: potremmo definirlo "super"?
  • Arriva il bacio spaziale Luna-Saturno: ecco quando e come vederlo
    Spazio18 Luglio 2024

    Arriva il bacio spaziale Luna-Saturno: ecco quando e come vederlo

    Luna e Saturno protagonisti del cielo di luglio. Tra pochi giorni il nostro satellite e il Signore degli Anelli danzeranno nel firmamento.
  • Al via una settimana di stelle cadenti: ecco tutte le date da non perdere
    Spazio15 Luglio 2024

    Al via una settimana di stelle cadenti: ecco tutte le date da non perdere

    Le Aquilidi prima, e le alfa Cignidi poi, si preparano a "infiammare" il cielo di luglio. Ecco quando e come vedere queste due piogge di stelle.
  • Arriva il bacio Marte – Giove, spettacolo stellare nei nostri cieli: ecco quando
    Spazio15 Luglio 2024

    Arriva il bacio Marte – Giove, spettacolo stellare nei nostri cieli: ecco quando

    Marte e Giove si preparano a "danzare" nel cielo di luglio. I due pianeti sono affiancati dalle Pleiadi e sovrastati da Urano
Ultime newsVedi tutte


Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
Tendenza20 Luglio 2024
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
La prossima settimana segnerà finalmente la fine della lunga ondata di calore che sta interessando l'Italia: rischio di temporali e forti venti.
Meteo, stop alla canicola: dal 22 luglio caldo estivo senza eccessi
Tendenza19 Luglio 2024
Meteo, stop alla canicola: dal 22 luglio caldo estivo senza eccessi
La prossima settimana le temperature torneranno su livelli più normali per la stagione senza afa opprimente. Possibili fasi instabili. La tendenza meteo
Meteo, dal 21 luglio graduale stop al caldo africano: la tendenza
Tendenza18 Luglio 2024
Meteo, dal 21 luglio graduale stop al caldo africano: la tendenza
Da domenica 21 luglio perturbazione al Nord con forti temporali e calo termico. Aria più fresca anche verso il Centro-sud. La tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Sabato 20 Luglio ore 23:43

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154