Raggi ultravioletti

Il nome deriva dal fatto che la loro frequenza è nell’intervallo appena oltre l’ultima tonalità della luce visibile, che è il violetto. Sono una piccola porzione, pari all’1%, nell’insieme della radiazione solare, ma la loro notevole energia e capacità di penetrare in profondità nei tessuti rappresenta un pericolo per gli esseri viventi.
Vengono suddivisi in tre classi a seconda della pericolosità per la salute (lunghezza d’onda espressa in millesimi di mm): i meno pericolosi UVA (da 0.4 a 0.32), poi UVB (da 0.32 a 0.28) e infine i più pericolosi UVC (da 0.28 a 0.1). Per fortuna UVB e UVC sono quasi totalmente assorbiti dall’atmosfera, con il fondamentale contributo dell’ozono stratosferico. Infatti gli ultravioletti in arrivo alla superficie terrestre sono quasi totalmente UVA.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette