FacebookInstagramTwitterMessanger

Smog e inquinamento: ecco le zone peggiori in questo inizio 2023

Il 2023 inizia all'insegna dello smog ed inquinamento in diverse città italiane: da Milano a Napoli, i livelli di inquinamenti salgono alle stelle!
{icon.url}4 Gennaio 2023 - ore 08:47 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
4 Gennaio 2023 - ore 08:47 Redatto da Redazione Meteo.it

Il nuovo anno è iniziato nel peggiore dei modi in diverse città italiane per i livelli di smog ed inquinamento. L'assenza di piogge, unita al dominio dell'anticiclone nord-africano, ha sicuramente influito sulla qualità dell'aria risultata scadente nei primi giorni del 2023. Ecco tutte le città e le zone peggiori.

Smog e inquinamento: il 2023 inizia male da Milano a Napoli

Il dominio dell'anticiclone nord-africano prosegue in Italia. A eccezione del Nord Italia dove sono cadute delle debolissime piogge, il clima si conferma ancora mite con temperature e valori al di sopra della media del periodo. Tutto ciò non ha permesso un ricambio dell'aria facilitando così lo smog e l'inquinamento lungo tutto lo stivale con l'aria diventata malsana.

Dati alla mano nella giornata di mercoledì 4 gennaio 2023 si parla di valori di pm10 nella pianura Padana davvero allarmanti. I livelli di smog ed inquinamento sono altissimi in diverse città italiane: Milano, Torino, Bologna, Venezia, Brescia, Verona. Non solo, lo smog ed inquinamento si fanno sentire anche Firenze, Roma e Napoli, città del Centro-Sud, a conferma che è giunto il momento di un urgente ricambio d'aria.

Allarme polvere sottili in Pianura Padana: superata la soglia limite prevista dalla legge

Da circa quindici giorni, infatti, il tempo è stato cupo ed uggioso su diverse zone del Centro-Nord e le previsioni sembrano procedere in questa direzione almeno fino a sabato 7 gennaio 2023. Nuvole e nebbia si confermano le indiscusse protagoniste della prima settimana del 2023, anche se da domenica 8 gennaio potrebbe esserci una piccola "rivoluzione" climatica. Nonostante il passaggio di una debole perturbazione nelle regioni centro-settentrionali, le piogge sono le grandi assenti di questo inizio d'anno.

La situazione non dovrebbe migliorare nemmeno nei prossimi giorni visto che le previsioni meteo delineano una scarsa ventilazione e una elevata umidità che favoriranno la formazione di strati di nubi basse in molte aree, in particolare al Centro-Nord, con un ulteriore accumulo di inquinanti in prossimità del suolo. Proprio in Pianura Padana le concentrazioni di polveri sottili hanno superato la soglia limite prevista dalla legge.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 17:29
Notizie
TendenzaMeteo, lunedì stabile poi febbraio al via con irruzione di aria fredda
Meteo, lunedì stabile poi febbraio al via con irruzione di aria fredda
Inizio settimana stabile con temperature in aumento poi febbraio potrebbe prendere il via con l'arrivo di un nucleo di aria molto fredda. La tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Sabato 28 Gennaio ore 23:23

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154