FacebookInstagramXWhatsApp

Quale multa rischia chi non fa la raccolta differenziata?

Raccolta differenziata dei rifiuti: quali sono le violazioni più comuni e cosa rischiano i trasgressori
Ambiente4 Giugno 2024 - ore 16:51 Redatto da Meteo.it
Ambiente4 Giugno 2024 - ore 16:51 Redatto da Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

La raccolta differenziata è un gesto importantissimo per la salvaguardia dell'ambiente, in quanto un corretto smaltimento dei rifiuti è possibile solo se questi sono smaltiti separatamente. Tuttavia non tutti i cittadini aderiscono a questo dovere civico e - anche se gradualmente stiamo assistendo a un miglioramento nella tendenza - sono ancora molti coloro che non la fanno, oppure la fanno in maniera sbagliata. Cosa rischiano?

Violazioni raccolta differenziata, quali sono

Prima di addentrarci nelle conseguenze a cui può essere soggetto chi non effettua la raccolta differenziata, oppure la fa in maniera sbagliata, cerchiamo di capire quali sono gli illeciti anche perché - come vedremo poi - ciascuno di loro può comportare sanzioni diverse.

Le principali violazioni sono:

  • conferimento di rifiuti in giorni e orari diversi da quelli previsti dal Comune
  • utilizzo di bidoni per materiali diversi da quelli a cui sono destinati
  • deposito di sacchetti all’esterno dei bidoni o in sacchi non idonei
  • abbandono di rifiuti fuori dai bidoni
  • danneggiamento dei bidoni concessi in comodato d’uso dal Comune

Multe previste per chi non fa la raccolta differenziata corretta

Cosa rischiano coloro che commettono una o più infrazioni tra quelle sopra riportate, o comunque compiono azioni non conformi a una corretta differenziazione dei rifiuti? Il Decreto legislativo 152/2016 - che ha aggiornato le disposizioni del Decreto Ronchi - ha delegato agli enti locali il compito di gestire i servizi di raccolta differenziata nel proprio territorio, disponendo regole e sanzioni per i cittadini che non aderiscono.

Tuttavia non esiste una violazione generica che sanzioni i responsabili di una raccolta differenziata non effettuata o compiuta male - che sarebbe peraltro quasi impossibile da accertare - ma esistono comportamenti vietati e puniti dai singoli Comuni.

La regola generale valida su tutto il territorio nazionale vieta espressamente di depositare in un cassonetto materiali diversi da quelli a cui è destinato, prevedendo sanzioni che vanno da 25 a 155 euro. Questo è il "prezzo" che rischia di pagare chi - ad esempio - butta materiale organico o plastica nel contenitore della carta o viceversa.

Oltre a questa ci sono poi delle regole imposte dai Comuni, che possono prevedere ad esempio sanzioni per chi "dimentica" di piegare gli imballaggi ed esporli dentro o accanto al bidone del cartone, nei giorni e negli orari stabiliti. Queste multe sono piuttosto salate e possono prevedere importi compresi tra 100 e 600 euro.

Potrebbe costare salato anche il gesto di coloro che espongono i cassonetti in giorni o orari diversi da quelli stabiliti dal calendario di raccolta. In questo caso l'errore potrebbe costare da 25 a 155 euro. Molti enti locali hanno poi emanato disposizioni che prevedono sanzioni per coloro che non chiudono i sacchetti, spostano i cassonetti o lasciano i rifiuti fuori dagli stessi.

Sono poi previste multe per chi abbandona rifiuti ingombranti o pericolosi in zone non idonee e anche in questo caso la trasgressione potrebbe costare molto cara visto che alcuni enti locali prevedono sanzioni fino a 600 euro. Anche gettare ogni tipologia di rifiuto nel cassonetto dell'indifferenziato può essere sanzionato, poiché quest'ultimo dovrebbe servire esclusivamente a contenere tutti quei materiali che non possono essere avviati a un processo di riciclo.

Queste regole sono rivolte a garantire una gestione dei rifiuti che faccia bene al pianeta, a mantenere il decoro urbano e a evitare che gli animali selvatici possano aprire i sacchetti e spargere il contenuto sui marciapiedi, ma anche a prevenire il rischio che aree solitamente gradevoli, si trasformino in discariche abusive a cielo aperto. In genere i regolamenti comunali sono abbastanza eterogenei riguardo ai gesti punibili per una errata raccolta differenziata.

Le multe vengono date direttamente dal Comune a mezzo della Polizia municipale. L’accertamento può avvenire infatti solo tramite un pubblico ufficiale, che verifica il fatto e identifica il responsabile in modo inequivocabile.

Sconti Tari ai cittadini più virtuosi

Di pari passo con le sanzioni rivolte a chi non esegue una raccolta differenziata corretta, molti Comuni hanno istituito anche un "premio" per i cittadini più virtuosi. Si tratta di sconti Tari specifici rivolti a coloro che effettuano la differenziazione in modo corretto.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Mamma balena e cucciolo nuotano nelle acque dell’Asinara - Video
    Ambiente18 Luglio 2024

    Mamma balena e cucciolo nuotano nelle acque dell’Asinara - Video

    Il video eccezionale di due balene, mamma e cucciolo, che nuotano tranquille vicino alla costa nel Parco Nazionale dell’Asinara
  • Ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha ferito un turista in Trentino
    Ambiente18 Luglio 2024

    Ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha ferito un turista in Trentino

    Il presidente della provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha aggredito un turista francese
  • Sardegna: tavoli e ombrelloni su isola protetta
    Ambiente18 Luglio 2024

    Sardegna: tavoli e ombrelloni su isola protetta

    Sardegna vittima di un episodio di inciviltà da parte di alcuni bagnanti sbarcati su un'isola protetta
  • Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?
    Ambiente17 Luglio 2024

    Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?

    La cenere dell'Etna sta causando problemi alla città di Catania e ai suoi abitanti. Bisogna smaltirla, ma in futuro potrebbe essere una risorsa
Ultime newsVedi tutte


Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Tendenza22 Luglio 2024
Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Le temperature torneranno ad aumentare gradualmente: da domenica 28, in particolare, il caldo diventerà di nuovo intenso e insistente
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
Tendenza21 Luglio 2024
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
A metà settimana il caldo rientrerà nei ranghi con valori estivi ma senza eccessi. Nell'ultima parte di settimana possibile una nuova fase calda.
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
Tendenza20 Luglio 2024
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
La prossima settimana segnerà finalmente la fine della lunga ondata di calore che sta interessando l'Italia: rischio di temporali e forti venti.
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Luglio ore 04:17

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154