FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Occhi al cielo, tra poche ore Mercurio sarà pronto a mostrarsi in tutta la sua bellezza (circondato dalle stelle cadenti)

Mercurio, il pianeta più vicino al Sole e solitamente elusivo, sarà favorevole all'osservazione, accompagnato da una pioggia di stelle cadenti. Pronti per lo spettacolo? Ecco quando volgere lo sguardo al cielo d'aprile
11 Aprile 2023 - ore 13:48 Redatto da Redazione Meteo.it
11 Aprile 2023 - ore 13:48 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Il conto alla rovescia è già iniziato e tra poche ore Mercurio - il pianeta più vicino al Sole - sarà in una posizione davvero favorevole all'osservazione. A rendere ancora più emozionante questo spettacolo ci penseranno le alfa Virginidi, stelle cadenti che raggiungeranno il loro culmine stanotte. Tutti pronti per lo show celeste?

Il cielo di aprile pronto a dare spettacolo

La volta celeste non finirà mai di stupirci, e osservando il cielo di aprile possiamo ammirare la transizione dal cielo invernale a quello estivo. Se volgendo lo sguardo al cielo - nelle prime ore dopo il tramonto - possiamo ancora trovare le costellazioni che hanno dominato nei mesi precedenti, tra cui Orione, il Toro, i Gemelli, l’Auriga, puntando gli occhi a oriente si cominciano a scorgere gli astri che saranno protagonisti della stagione estiva.

Per quanto riguarda invece le meteore nel mese di aprile saranno attivi solo sciami minori, ma non per questo poco suggestivi. Soprattutto se uno di essi - più precisamente le alfa Virginidi - farà da cornice a uno dei Pianeti solitamente tra i più difficili da individuare come Mercurio. E tutto questo avverrà nelle prossime ore.

Come osservare Mercurio, il Pianeta più interno del Sistema Solare

Tra gli eventi celesti più interessanti del mese è importante ricordare la favorevole osservazione di Mercurio, che proprio nelle prossime ore risulterà abbastanza facile da individuare. Si tratta del pianeta più vicino al Sole, basso sull’orizzonte e confuso nella luce del crepuscolo. Proprio queste sue "caratteristiche" lo rendono solitamente poco favorevole all'osservazione serale. Aprile è però il mese migliore dell'anno in corso per individuarlo ed è per questo che nessun appassionato di astronomia dovrebbe mancare all'appuntamento crepuscolare.

Stasera - 11 aprile - e domani saranno i giorni migliori per osservarlo sull’orizzonte occidentale al calar della sera. Come fanno sapere dall'Uai infatti, la massima elongazione serale verrà raggiunta il giorno 11,- con il pianeta a una distanza angolare di 19° 29’ dal Sole - mentre la migliore visibilità serale si verificherà domani 12 aprile, quando Mercurio tramonterà con il massimo ritardo, ovvero un’ora e 46 minuti dopo il Sole.

Prima di scoprire qualcosa in più sulle alfa Virginidi, che incorniceranno Mercurio nelle prossime due sere, vogliamo darvi un suggerimento. Non dimenticate di segnare in rosso sul calendario anche la data del 21 aprile, giorno in cui Mercurio "danzerà" con la Luna (ma di questo parleremo nei prossimi giorni).

Alfa Virginidi pronte a esaudire i desideri nel cielo d'aprile

Il quarto mese dell'anno - come anticipato - è piuttosto "povero" di meteore. Tuttavia se avete una manciata di desideri da esaudire non potrete mancare all'appuntamento con le alfa Virginidi, conosciute anche come Virginidi di aprile. Lo sciame raggiungerà il picco proprio stanotte, regalandoci una pioggia di stelle cadenti che - già dopo le ore del tramonto - ci emozioneranno con le loro scie luminose.

Il radiante delle alfa Virginidi - ovvero il punto da cui sembra che le stelle cadenti partano - sarà osservabile per l’intera notte.

L'appuntamento è per stasera, e il nostro consiglio è come sempre quello di scegliere un punto di osservazione lontano da fonti di inquinamento luminoso. In caso di pioggia potrete seguire lo show celeste collegandovi a Virtual Telescope, che trasmetterà l'evento in streaming a partire dalle 18.15 UTC (20.15 ora italiana).

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo: ponte del 25 aprile molto variabile. Quando andrà via il freddo artico?
Meteo: ponte del 25 aprile molto variabile. Quando andrà via il freddo artico?
Colpo di coda invernale sull'Italia dove nella seconda parte di settimana si potrebbe vedere un graduale cambiamento. Ponte del 25 aprile incerto
Mediaset

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Aprile ore 18:58

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154