FacebookInstagramTwitterMessanger

Luna Nera: il cielo si "spegnerà" per una notte, ecco quando

Aprile è quest'anno il mese della Luna Nera, un fenomeno che si verifica ogni 29 mesi.
{icon.url}27 Aprile 2022 - ore 10:22 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
27 Aprile 2022 - ore 10:22 Redatto da Redazione Meteo.it
Wikimedia Commons

Il cielo di aprile non ha ancora finito di dare spettacolo: dopo le Pleiadi, le Bootidi e la Luna Piena Rosa, è in arrivo un nuovo affascinante appuntamento con la volta celeste. Prima dell'arrivo di maggio, infatti, avremo modo di assistere al secondo novilunio in uno stesso mese, evento che darà origine alla Luna Nera. Quando ci sarà? Vediamo di scoprire altri dettagli.

Aprile, il mese della Luna Nera

La luna nuova che ha illuminato il cielo il 1° aprile tornerà anche nell'ultimo giorno del mese. Il novilunio è un evento astronomico che si ripete con cadenza mensile, per cui non rappresenta certo una rarità. Il "mese lunare", però, ha una durata inferiore rispetto alle mensilità scandite dal calendario gregoriano, perché cade ogni 29 giorni, 12 ore, 44 minuti e 3 secondi.

Questo fa sì che possano verificarsi fenomeni di doppio novilunio in un solo mese, evento che però, al contrario della Luna Nuova mensile, accade più raramente. Il calendario lunare, più corto rispetto a quello gregoriano, permette di assistere a questo fenomeno una volta ogni 29 mesi.  Il prossimo appuntamento è fissato dunque con il 30 aprile, dopodiché potremo tornare a osservarlo due volte il 30 dicembre 2024.

Il secondo novilunio che avviene in uno stesso mese prende il nome di Luna Nera o Black Moon, termine che identifica anche la terza luna nuova in una stagione che ne conta quattro. Quest'ultima però si verifica ancor più raramente (ogni 33 mesi) e per assistere alla prossima di questo tipo dovremo attendere il 19 maggio 2023.

Tutto ciò non deve essere confuso con la Blue Moon, evento conosciuto anche come Luna Blu che vede il doppio plenilunio in un mese!

Luna Nera, tra leggenda e realtà

Il fenomeno che ci aspetta nella notte del 30 aprile è quindi un fenomeno raro e interessante, anche se, contrariamente alla credenza popolare e alla cartomanzia, non rappresenta un cattivo presagio. Nessun rischio di estinzione quindi, ma un'occasione imperdibile per ammirare il cielo che, proprio all'alba del 30 aprile, offre una spettacolare congiunzione Venere - Giove.

Puntando lo sguardo verso la costellazione dei Pesci potremo infatti ammirare i due Pianeti che appariranno in stretta congiunzione, più luminosi e quindi visibili anche a occhio nudo, e per giunta senza alcuna interferenza legata al bagliore della Luna. Il nostro consiglio è quello di puntare la sveglia alle 5.00 del mattino del 30 aprile: nonostante l'ora non sia delle più comode infatti, puntare i nostri occhi al firmamento poco prima dell'alba ripagherà con uno spettacolo davvero unico!

TG Meteo Nazionale - edizione delle 18:40
Notizie
TendenzaMeteo: dopo Ferragosto breve ma intensa ondata di caldo ma non ovunque
Meteo: dopo Ferragosto breve ma intensa ondata di caldo ma non ovunque
Da mercoledì 17 agosto si rinforza l'Anticiclone africano con una breve ma intensa ondata di caldo che non coinvolgerà tutte le regioni: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Sabato 13 Agosto ore 23:27

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154