FacebookInstagramTwitterMessanger

Rifiuti radioattivi in Italia: arriva il richiamo dell’Ue

La Commissione europea ha richiamato l’Italia perché avrebbe un programma nazionale per la gestione di questi rifiuti che non sarebbe interamente conforme alla direttiva europea. Adesso Roma ha due mesi di tempo per adeguarsi
{icon.url}24 Maggio 2022 - ore 13:14 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
24 Maggio 2022 - ore 13:14 Redatto da Redazione Meteo.it

La Commissione europea bacchetta l’Italia per la gestione dei rifiuti radioattivi: secondo l’organo di governo dell’Unione infatti il nostro Paese avrebbe un programma nazionale per la gestione di questi rifiuti che non sarebbe interamente conforme alla direttiva europea sul combustibile esaurito e sui rifiuti radioattivi. E dunque ha inviato un parere motivato, il secondo passaggio della procedura d'infrazione, per ammonire l’Italia.

La procedura d’infrazione

Il programma nazionale dell’Italia - così come quelli di Croazia, Estonia, Portogallo e Slovenia - è risultati non conforme a determinati requisiti della direttiva. Adesso il nostro Paese ha due mesi di tempo per affrontare le carenze individuate dalla Commissione. In mancanza di una risposta soddisfacente, l’organo di governo dell’Ue può decidere di adire la Corte di giustizia dell'Unione europea.

I rifiuti radioattivi in Italia

L’Italia, come noto, non ha da tempo centrali nucleari attive sul proprio suolo. I rifiuti radioattivi però non sono generati solo dalla produzione di elettricità, ma anche dall'uso di materiali radioattivi per scopi medici, di ricerca, industriali e agricoli. Ciò significa che tutti gli Stati membri dell’Unione generano scorie radioattive, anche l’Italia. E per garantirne la corretta gestione esiste una direttiva che, secondo la Commissione, il nostro Paese non starebbe pienamente rispettando.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 18:39
Notizie
TendenzaMeteo, ondata di caldo ai titoli di coda: dopo il 6 luglio arrivano aria fresca e temporali localmente intensi
Meteo, ondata di caldo ai titoli di coda: dopo il 6 luglio arrivano aria fresca e temporali localmente intensi
Una perturbazione si prepara a investire l'Italia, accompagnata da aria fresca e da un carico di temporali localmente intensi: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Luglio ore 21:28

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154