FacebookInstagramTwitterMessanger

Raccolta funghi, tutte le regole da conoscere: quando serve il patentino?

L'autunno riempie i boschi di funghi, ma possiamo raccoglierli o serve il patentino? Ecco che cosa dice la legge e cosa c'è da sapere per evitare multe
{icon.url}5 Ottobre 2022 - ore 16:27 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
5 Ottobre 2022 - ore 16:27 Redatto da Redazione Meteo.it

Appassionati di funghi? Se volete raccoglierli dovete assolutamente sapere cosa potete e non potete fare secondo la legge e come evitare sanzioni.

Raccolta funghi, cosa si può e non si può fare?

L'autunno è la stagione delle castagne, delle zucche, delle foglie che cadono dagli alberi, ma è certamente anche la stagione dei funghi. Passeggiando tra i boschi dopo le prime piogge autunnali è molto facile imbattersi in queste golosità che emergono dalla terra, nascoste tra l'erba o alla base degli alberi e molti di noi sono tentati dal raccoglierli: ma possiamo? Se siamo dei semplici amanti di funghi senza però una preparazione alle spalle, non possiamo assolutamente raccogliere i funghi, questo per evitare di causare danni sia a noi che alla loro specie. Per questo motivo abbiamo bisogno di conoscenze e competenze in materia di funghi e che ci rendano in grado di riconoscerne le varie tipologie (in primo luogo quelli edibili da quelli velenosi) e di prelevarli in modo sicuro permettendone la proliferazione.

Le varie regioni d'Italia applicando le regole in maniera varia, ma di fondo le leggi sono molto chiare e sono fondamentali per salvaguardare la biodiversità dei nostri boschi e, come detto, la salute dei fruitori. Le norme principali prevedono i limiti massimi consentiti durante la raccolta, i comportamenti da adottare per non danneggiare l'ambiente, le autorizzazioni da richiedere per poter procedere, i divieti, le sanzioni e i limiti temporali entro i quali la raccolta è consentita. Su questa base le regioni possono applicare dei piccoli ritocchi, ma senza discostarsi mai dalla legge nazionale e comunque sempre in modo restrittivo rispetto alle norme vigenti.

Patentino per i funghi: serve? Come funziona?

Per poter attestare la propria preparazione e poter raccogliere i funghi senza incappare in sanzioni, negli ultimi anni era obbligatorio il patentino (fino al 2020). Oggi, tecnicamente, non è più così. Ciò non vuol dire che si è liberi di raccogliere i funghi sprovvisti di qualsivoglia attestato, anzi! Infatti è cambiata la forma, ma non di certo la sostanza. Oggi è necessaria la frequentazione di un apposito corso tenuto da associazioni dotate dei dovuti permessi o le Asl e seguire un numero minimo di ore che ci garantiscano una preparazione adeguata.

Il tutto viene accompagnato dal pagamento di un bollettino il cui costo varia in base alla regione, all'ente e alla durata del corso stesso. Ne consegue che non esistano tempistiche e modalità univoche e per conoscerle è utile contattare direttamente le associazioni pertinenti del proprio territorio. Ultima considerazione: ovviamente il possesso di un attestato non ci svincola da eventuali sanzioni legate al nostro comportamento nei boschi, in quanto i limiti previsti dalla legge vanno sempre rispettati a prescindere dalla frequentazione del corso.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 19:37
Notizie
TendenzaMeteo, via vai di perturbazioni ad inizio dicembre. Freddo al Nord con neve fino a 800 metri
Meteo, via vai di perturbazioni ad inizio dicembre. Freddo al Nord con neve fino a 800 metri
Venerdì 2 un nuovo impulso perturbato porterà piogge e nevicate: la tendenza meteo per inizio dicembre
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Novembre ore 07:18

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154