FacebookInstagramXWhatsApp

Morto Juan Carrito, l'orso simbolo dell'Abruzzo: investito e ucciso a Castel di Sangro

Juan Carrito è stato investito questa sera sulla strada che collega Castel di Sangro a Roccaraso. Nonostante i soccorsi, l'orso più amato del web non ce l'ha fatta. Ecco le ultime news
ALTRO23 Gennaio 2023 - ore 21:06 Redatto da Redazione Meteo.it
ALTRO23 Gennaio 2023 - ore 21:06 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Morto Juan Carrito. Non avremmo mai voluto dare la notizia. Il simbolo dell'Abruzzo, l'orso di cui ormai da un paio d'anni seguivamo le scorribande, che aveva raccolto, viste le sue varie avventure, numerosi fan, è stato investito a Castel di Sangro. Ecco cosa è successo.

Morto Juan Carrito: è stato investito a Castel di Sangro

Juan Carrito è stato investito sulla strada che collega Castel di Sangro e Roccaraso, la SS17, nei pressi del Cimitero di Castel di Sangro. A nulla sono valsi i tentativi della guardia forestale di salvarlo. L'orso simbolo d'Abruzzo è morto schiacciato vicino al guardrail. Le guardie del Parco Nazionale d'Abruzzo hanno provato in tutti i modi di salvarlo. Si era pensato anche, nonostante le condizioni disperate, dopo averlo stabilizzato, di trasportarlo nel centro Pnalm di Pescasseroli, ma non c'è stato il tempo materiale.

L'investimento è avvenuto intorno alle 17. L'orso è stato ritrovato a bordo strada con una zampa rotta, quasi immobile, mentre si divincolava solo con la testa.

I media di mezzo mondo e i social sono impazziti per le sue scorribande. Lo abbiamo seguito mentre girava per Roccaraso, mentre giocava con altri animali, mentre ignorava il periodo del letargo, ma anche e soprattutto mentre "rubava" miele dalle aziende vicine, controllava un ristorante stellato della zona e si introduceva in una pasticceria per fare incetta di biscotti. Ora in tanti stanno dando la notizia purtroppo della sua scomparsa.

Dopo le mille scorribande era da qualche giorno che si aggirava per Castel di Sangro vicino alla zona del cimitero e questa sera durante una camminata in solitaria si è scontrato con un'auto che procedeva a forte velocità in montagna e ha avuto la peggio. Ora si aprono le polemiche. In molti, sui social, appresa la tragica notizia, stanno sottolineando che si poteva far di più per la sua salvaguardia visto oltretutto che era diventato la mascotte del Parco Nazionale d'Abruzzo e uno degli orsi più amati dei media e dei social.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?
    Ambiente17 Luglio 2024

    Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?

    La cenere dell'Etna sta causando problemi alla città di Catania e ai suoi abitanti. Bisogna smaltirla, ma in futuro potrebbe essere una risorsa
  • La balena più rara del mondo: ritrovato esemplare in spiaggia in Nuova Zelanda
    Ambiente17 Luglio 2024

    La balena più rara del mondo: ritrovato esemplare in spiaggia in Nuova Zelanda

    Eccezionale ritrovamento su una spiaggia della Nuova Zelanda di un mesoplodonte di Travers, la balena più rara del mondo, mai avvistata viva.
  • Turista aggredito mentre passeggia da un orso in Trentino e portato in ospedale
    Ambiente16 Luglio 2024

    Turista aggredito mentre passeggia da un orso in Trentino e portato in ospedale

    Un turista straniero è stato aggredito mentre passeggiava a nord del Lago di Garda. È stato soccorso e portato in ospedale con ferite agli arti
  • Rifiuti e plastica nel mare: le zone italiane maggiormente colpite: Sicilia e Sardegna ai primi posti, il rapporto Ispra
    Ambiente15 Luglio 2024

    Rifiuti e plastica nel mare: le zone italiane maggiormente colpite: Sicilia e Sardegna ai primi posti, il rapporto Ispra

    Tra i 9 e i 23 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno in mare. In Italia le zone più colpite: Sicilia, Sardegna e golfo di Napoli
Ultime newsVedi tutte


Meteo: nel weekend temporali e lieve attenuazione del caldo. Si intravede la fine?
Tendenza17 Luglio 2024
Meteo: nel weekend temporali e lieve attenuazione del caldo. Si intravede la fine?
Nel weekend possibile transito di una perturbazione con lieve attenuazione del caldo africano. Si intravede dunque la fine dell'ondata di calore?
Meteo: l'ondata di caldo va oltre il weekend! Breve tregua al Nord?
Tendenza16 Luglio 2024
Meteo: l'ondata di caldo va oltre il weekend! Breve tregua al Nord?
L'ondata di caldo in corso si conferma la più rilevante finora per durata, intensità ed estensione. Afa al Nord e oltre 40 gradi al Centro-Sud.
Meteo: tra giovedì 18 e venerdì 19 luglio apice del caldo al Nord! I dettagli
Tendenza15 Luglio 2024
Meteo: tra giovedì 18 e venerdì 19 luglio apice del caldo al Nord! I dettagli
Il caldo intenso insiste per tutta la settimana con calura in aumento al Nord, in particolare nelle giornate di giovedì 18 e venerdì 19 luglio.
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Luglio ore 16:05

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154