FacebookInstagramXWhatsApp

Le "pietre vive" che camminano, crescono e si riproducono: la spiegazione dei Trovants, Patrimonio dell'Umanità Unesco

Rocce, che camminano, crescono e si riproducono, affascinano gli studiosi: la spiegazione "scientifica". Sono Patrimonio dell'Umanità Unesco e danno origine a leggende. Scopri tutti sui Trovants
Curiosità28 Gennaio 2023 - ore 14:58 Redatto da Redazione Meteo.it
Curiosità28 Gennaio 2023 - ore 14:58 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Photo: Anna Neerbek

Ad osservarli appaiono come comunissimi sassi, ma in realtà i "trovants" della Romania sarebbero "pietre vive" in grado addirittura di "respirare, crescere e riprodursi". Questi sassi mutanti si trovano per la maggior parte nella valle di Costesti a 35 km da Ramnicu Valcea e nella riserva naturale Muzeul Trovantilor.

Cosa sono i Trovant, le "Rocce che camminano"

Si tratta di pietre che devono il loro nome al materiale con cui sono composte: Trovant in rumeno significa appunto "pasta di sabbia" o "sabbia cementata". Un termine puramente geologico quindi, che però non basta a dare l'idea delle straordinarie capacità di questi sassi.

Durante le piogge le pietre Trovants raccolgono al loro interno l'acqua piovana. I sali minerali provocano una reazione chimica con i carbonati della sabbia cementata creando un accrescimento di volume ai lati della pietra, che così si modifica e viene spinta un passo in avanti. Questo è il motivo per cui negli anni, queste rocce si sono aggiudicate il nome di "sassi che camminano".

Non si tratta di una crescita visibile, poiché parliamo di frazioni di millimetro. Basta pensare che una pietra Trovants per crescere 5/6 centimetri impiega circa mille anni. La crescita costante può portare però un piccolo sassolino di appena 10 millimetri a trasformarsi in una roccia grande anche 10 metri, ovviamente in tempi molto lunghi.

Stando a quanto riportato dagli scienziati i Trovants non solo si sposterebbero da soli e crescerebbero lentamente nel tempo, ma sarebbero anche in grado di riprodursi. Questo fenomeno a livello microscopico non è però visibile a occhio nudo, ed è un processo biologico naturale attraverso il quale un pezzo di roccia si stacca e continua a crescere in modo indipendente dalla "pietra madre".

Le origini di questi ciottoli misteriosi si perdono nel tempo. Secondo gli esperti - che hanno basato i loro studi sulle dimensioni enormi di alcune pietre rinvenute (alcune hanno un diametro anche di 10 metri) - le origini dei Trovants risalgono a sei milioni di anni fa.

"Rocce vive" patrimonio dell'Umanità Unesco

Queste strane e misteriose pietre sono tra le principali attrazioni della Romania e sono entrate a far parte del Patrimonio dell'Umanità Unesco e a questi strani sassi è stato dedicato anche un museo. Chi ha occasione di visitare la Romania e vuole vederle dal vivo potrà farlo recandosi al Trovants Museum National Reserve a Costesti, dove si trova il maggior numero di queste pietre dalle forme bizzarre e curiose.

La leggenda delle pietre vive

In Romania vi è un'antica credenza molto radicata legata a questi ciottoli così particolari. Nei giardini delle abitazioni rumene non è difficile troavre una o più pietre Trovants, che vengono regolarmente annaffiate come delle piante. Nella credenza popolare chi omette di bagnarle potrebbe scatenare la loro ira e le pietre potrebbero anche decidere di smettere di portare fortuna.

Le pietre sono nuvole? La leggenda narra che le pietre Trovants siano il peso delle nuvole, e quindi libere di andare liberamente da un luogo all'altro. Abbiamo visto che invece il loro potere di muoversi e di crescere è dato dalla loro composizione e dalla reazione con i sali minerali contenuti nell'acqua piovana. Tuttavia questa spiegazione scientifica non basta a cancellare l'effetto suggestivo che questi sassi "vivi" donano.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Rifiuti e plastica nel mare: le zone italiane maggiormente colpite: Sicilia e Sardegna ai primi posti, il rapporto Ispra
    Ambiente15 Luglio 2024

    Rifiuti e plastica nel mare: le zone italiane maggiormente colpite: Sicilia e Sardegna ai primi posti, il rapporto Ispra

    Tra i 9 e i 23 milioni di tonnellate di plastica finiscono ogni anno in mare. In Italia le zone più colpite: Sicilia, Sardegna e golfo di Napoli
  • Oltre 35 mila crimini legati all'ambiente nel 2023: quali sono gli illeciti più frequenti e le regioni da "bollino nero"?
    Ambiente12 Luglio 2024

    Oltre 35 mila crimini legati all'ambiente nel 2023: quali sono gli illeciti più frequenti e le regioni da "bollino nero"?

    Ogni giorno vengono commessi mediamente 97,2 crimini ambientali, pari a 4 illeciti ogni ora. I dati emergono dall'ultimo report Legambiente.
  • Stromboli, la colata lavica lungo la Sciara del Fuoco: immagini riprese col drone
    Ambiente10 Luglio 2024

    Stromboli, la colata lavica lungo la Sciara del Fuoco: immagini riprese col drone

    La colata lavica lungo la Sciara del Fuoco del vulcano Stromboli è stata immortalata in una serie di foto e immagini condivise dall'Ingv
  • Etna, il vulcanologo: “Il cratere Voragine si è alzato di 15 metri”
    Ambiente10 Luglio 2024

    Etna, il vulcanologo: “Il cratere Voragine si è alzato di 15 metri”

    Dopo le eruzioni l'Etna sembra essersi placato. Il vulcanologo Mario Mattia spiega: "Il cratere Voragine si è alzato di 15 metri"
Ultime newsVedi tutte


Meteo: tra giovedì 18 e venerdì 19 luglio apice del caldo al Nord! I dettagli
Tendenza15 Luglio 2024
Meteo: tra giovedì 18 e venerdì 19 luglio apice del caldo al Nord! I dettagli
Il caldo intenso insiste per tutta la settimana con calura in aumento al Nord, in particolare nelle giornate di giovedì 18 e venerdì 19 luglio.
Meteo, quando si attenuerà il caldo africano?
Tendenza14 Luglio 2024
Meteo, quando si attenuerà il caldo africano?
Caldo afoso per tutta la settimana poi tra il 21 e il 22 luglio le temperature potrebbero calare a partire dalla Sardegna e dal Centro. La tendenza meteo
Meteo, quando finirà l'ondata di caldo? Gli ultimi aggiornamenti
Tendenza13 Luglio 2024
Meteo, quando finirà l'ondata di caldo? Gli ultimi aggiornamenti
Si profila una settimana rovente sull'Italia con caldo afoso in aumento al Nord e punte intorno ai 38-40 gradi al Centro-sud. La tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Luglio ore 09:02

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154