FacebookInstagramTwitterMessanger

Maltempo, allarme grandine nelle campagne: il monito di Coldiretti

Coldiretti lancia l'allarme per grandine nelle campagne viste le allerte meteo per maltempo degli ultimi giorni. Proprio a ridosso dei raccolti i chicchi di ghiaccio potrebbero causare danni pesantissimo ad un intero comparto economico
{icon.url}18 Agosto 2022 - ore 15:28 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
18 Agosto 2022 - ore 15:28 Redatto da Redazione Meteo.it
Foto di repertorio

L'ondata di maltempo che sta colpendo il Nord e alcune zone del Centro non accenna a diminuire. E' allarme grandine nelle campagne. A far paura sono sia il vento forte che i nubifragi, ma soprattutto i chicchi di giacchio perché capaci di causare danni irreversibili alle coltivazioni di frutta e verdura. Ecco l'appello lanciato da Coldiretti e l'analisi concreta dei danni e delle perdite dopo questa stagione particolarmente difficile.

Maltempo, allarme grandine: un monito e un consiglio per gli agricoltori

Coldiretti, a causa del maltempo degli ultimi giorni e della nuova allerta, ha lanciato un allarme per la grandine nelle campagne. Proprio la grandine è una delle più temute in questa fase stagionale per i danni irreversibili che può provoca alle coltivazioni di frutta e verdura e alla vendemmia. Essa è in grado sia di compromettere le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale, ma anche di causare grossi danni alle strutture e alle infrastrutture agricole.

Proprio nelle regioni del Nord e del Centro - dove è attiva l'allerta meteo -  sono concentrate le maggiori coltivazioni di frutta - dalle mele alle pere fino ai kiwi - e i vigneti. Vento forte, nubifragi e soprattutto la grandine rischiano, oggi, di far perdere ai coltivatori, alla vigilia della raccolta, un intero anno di lavoro e un sacco di investimenti.

Come comportarsi dunque per proteggere i raccolti? Il consiglio migliore è quello di stendere  - così come molti agricoltori hanno già fatto - le reti antigrandine per proteggere frutta e verdura.  Altri consigli utili? Segnalare immediatamente i danni alle proprie compagnie assicurative e compilare i moduli messi a disposizione delle varie regioni o comuni per chiedere lo stato di calamità.

I danni del clima nei campi e sui raccolti: le prime stime

I danni causati dal maltempo di questi giorni potrebbero essere davvero ingenti e andrebbero ad aggiungersi a quelli causati già dal cambiamento climatico. Il grande caldo e la siccità degli ultimi mesi hanno già fatto salire il conto alle stelle mettendo in ginocchio numerosi agricoltori che hanno avuto grosse difficoltà a irrigare i campi e a far crescere frutta e verdura.

Oltre al grande caldo che ha bruciato molte piante e alla siccità che non ha permesso un corretto apporto idrico per lo sviluppo di fiori e frutti, devono già essere aggiunti alle prime stime i danni causati da eventi climatici importanti che si sono abbattuti da Nord a Sud. Insomma quella del 2022 è stata fino ad ora la peggior estate del decennio con in media ben 16 fra grandinate e bufere di acqua e vento. Il maltempo ha colpito duramente diverse regioni italiane secondo i dati dell’European Severe Weather Database analizzati da Coldiretti ed ha causato ingenti danni in Lombardia e in Romagna, ma anche in Veneto e in Toscana oltre che nel Lazio e in Puglia.

A quanto ammontano i danni ad oggi? Tra temporali di grossa intensità, grande caldo, incendi e siccità si stima che siano andati in fumo intorno ai 6 miliardi di euro, pari al 10% della produzione nazionale.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 19:25
Notizie
TendenzaMeteo, per sapere il tempo del weekend dell'8-9 ottobre clicca qui
Meteo, per sapere il tempo del weekend dell'8-9 ottobre clicca qui
Nel fine settimana l'alta pressione tenderà ad indebolirsi: aumento della nuvolosità al Centro-Nord ma non sono previste piogge significative. Clima ancora mite
Mediaset

Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre ore 00:16

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154