FacebookInstagramXWhatsApp

L’orso Juan Carrito è tornato in natura: le prime foto

Juan Carrito, l'orso goloso che aveva interrotto il letargo per passeggiare a Roccaraso, torna a essere un orso libero.
Ambiente29 Marzo 2022 - ore 14:29 Redatto da Redazione Meteo.it
Ambiente29 Marzo 2022 - ore 14:29 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Credits Foto: Parco della Maiella

Diventato una celebrità nel web e non solo, l'orso Juan Carrito è tornato a passeggiare tranquillamente tra le montagne abruzzesi. A comunicarlo sono i responsabili del parco della Maiella, che hanno diffuso le prime immagini da "orso libero" di Juan Carrito nei boschi.

Juan Carrito torna nel suo habitat naturale

L'orso di Roccaraso, Juan Carrito, torna a far parlare di sé. Stavolta a renderlo protagonista delle scene non sono le sue azioni, come quella che lo aveva visto qualche settimana fa passeggiare in stazione, ma il suo nuovo stato di orso libero nel parco.

Nelle immagini diffuse lo scorso dal personale del parco nazionale della Maiella, possiamo vedere il celebre bestione passeggiare in un habitat sicuramente più consono alla sua natura. Juan Carrito è stato infatti liberato nell'area faunistica di Palena, sul massiccio della Maiella.

Dopo la cattura, avvenuta a Roccaraso lo scorso 6 marzo, l'orso, che non era andato in letargo, era stato ospitato nell'area faunistica in attesa di un miglioramento delle condizioni atmosferiche. Il suo ritorno in natura rappresenta quindi il secondo capitolo di una storia che, come ha sottolineato il parco, ha l'intento di riportare JC a vivere lontano dai paesi e da cibi decisamente poco salutari per il grosso mammifero.

La presenza di Juan Carrito a Roccaraso rappresentava infatti un pericolo non solo per l'uomo, ma anche per la salute dell'orso goloso (famoso anche per un'irruzione in pasticceria), che aveva iniziato a cibarsi di cibi di origine antropica e anche di rifiuti.

Juan Carrito torna a essere un orso libero

Il parco nazionale della Maiella mantiene il massimo riserbo sulla location esatta nella quale è stato rimesso in libertà l'orso. Per il momento tutto ciò di cui Juan Carrito ha bisogno è solo la più assoluta tranquillità: è per questo che i suoi liberatori hanno deciso di non rendere noto il punto esatto in cui è stato portato, limitandosi a parlare di "area faunistica della Palena".  

Riguardo a un possibile percorso di "rieducazione" il parco sottolinea che, a oggi, non è stato intrapreso niente al riguardo. Il trasferimento di JC alla Maiella avevo il solo scopo di toglierlo da una situazione potenzialmente pericolosa. Ovviamente adesso occorre un piano di intervento, con attività anche sperimentali mirate a tenere l'orso lontano dai centri abitati. L'ipotesi che possa ripresentarsi per le vie cittadine infatti non è scongiurata del tutto.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Mamma balena e cucciolo nuotano nelle acque dell’Asinara - Video
    Ambiente18 Luglio 2024

    Mamma balena e cucciolo nuotano nelle acque dell’Asinara - Video

    Il video eccezionale di due balene, mamma e cucciolo, che nuotano tranquille vicino alla costa nel Parco Nazionale dell’Asinara
  • Ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha ferito un turista in Trentino
    Ambiente18 Luglio 2024

    Ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha ferito un turista in Trentino

    Il presidente della provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha aggredito un turista francese
  • Sardegna: tavoli e ombrelloni su isola protetta
    Ambiente18 Luglio 2024

    Sardegna: tavoli e ombrelloni su isola protetta

    Sardegna vittima di un episodio di inciviltà da parte di alcuni bagnanti sbarcati su un'isola protetta
  • Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?
    Ambiente17 Luglio 2024

    Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?

    La cenere dell'Etna sta causando problemi alla città di Catania e ai suoi abitanti. Bisogna smaltirla, ma in futuro potrebbe essere una risorsa
Ultime newsVedi tutte


Meteo, dal 21 luglio graduale stop al caldo africano: la tendenza
Tendenza18 Luglio 2024
Meteo, dal 21 luglio graduale stop al caldo africano: la tendenza
Da domenica 21 luglio perturbazione al Nord con forti temporali e calo termico. Aria più fresca anche verso il Centro-sud. La tendenza meteo
Meteo: nel weekend temporali e lieve attenuazione del caldo. Si intravede la fine?
Tendenza17 Luglio 2024
Meteo: nel weekend temporali e lieve attenuazione del caldo. Si intravede la fine?
Nel weekend possibile transito di una perturbazione con lieve attenuazione del caldo africano. Si intravede dunque la fine dell'ondata di calore?
Meteo: l'ondata di caldo va oltre il weekend! Breve tregua al Nord?
Tendenza16 Luglio 2024
Meteo: l'ondata di caldo va oltre il weekend! Breve tregua al Nord?
L'ondata di caldo in corso si conferma la più rilevante finora per durata, intensità ed estensione. Afa al Nord e oltre 40 gradi al Centro-Sud.
Mediaset

Ultimo aggiornamento Venerdì 19 Luglio ore 04:25

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154