FacebookInstagramTwitterMessanger

Dopo il Covid la guerra, conseguenze anche per il mercato turistico italiano

La drammatica guerra in Ucraina getta ombre anche sul turismo italiano, non solo su settore energetico e agricoltura. Dopo la pandemia i dati segnavano una ripresa, ma le conseguenze del conflitto potrebbero frenare la ripresa.
{icon.url}14 Marzo 2022 - ore 14:46 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
14 Marzo 2022 - ore 14:46 Redatto da Redazione Meteo.it

Dopo due anni di pandemia da Covid-19 il mercato turistico italiano potrebbe subire un'altra brusca frenata a causa del conflitto in Ucraina. I dati, in ripresa rispetto alla crisi del 2020, potrebbero mostrare una nuova inversione di marcia proprio a causa della guerra. A sostenerlo è uno studio del Touring Club italiano.

Viaggi e turismo risentiranno della guerra in Ucraina?

Il mercato del turismo italiano aveva segnato nel 2020, l'anno della pandemia Covid-19, dei dati davvero critici: -70% nelle presenze e un -61% nella spesa incoming.

Il 2021 aveva invertito di poco questa tendenza negativa facendo registrare un miglioramento con il +51% nelle presenze e +20% nella spesa. Dati, questi, sicuramente incoraggianti, ma molto lontani dai livelli pre-pandemia.

La ripresa del settore turismo potrebbe diventare un miraggio a causa delle conseguenze dovute alla guerra in Ucraina che fa tremare non solo i mercati finanziari, ma tutti i settori dell'economia reale del Paese come quello energetico e agricolo e appunto quello del turismo.

Al momento non sono previsti dei cali nel turismo di prossimità ossia nei viaggi verso tutti quei Paesi presenti nell'Unione Europea. A preoccupare maggiormente sono invece i viaggi a lungo raggio. Il motivo? Da un lato per le sanzioni messe in atto contro la Russia di Putin, dall'altro per via di uno stato di insicurezza che si respira a livello internazionale.

Il mercato turistico italiano: come è cambiato post pandemia?

La pandemia ha cambiato e stravolto le nostre vite e abitudini. Anche viaggiare non è più come prima e lo conferma una fotografia del turismo pre e post Covid-19 grazie allo studio del Touring Club Italiano.

Prima della pandemia, gli Stati Uniti d'America, rappresentavano con 16,3 milioni di visitatori e una spesa che sfiorava i 5,5 miliardi di euro l'anno, una delle principali entrate per il mercato turistico italiano ed europeo. Tra le mete preferite degli americani vi era sicuramente la città di Roma e la regione Lazio con il 29% delle presenze seguita dalla Toscana con il 19%.

Al secondo posto c'era la Russia. Nel 2019 le presenze dei russi nelle città italiane hanno fatto raggiunto i 5,8 milioni con una spesa di 1 miliardo di euro. Mete preferite dei russi: la regione Veneto con il 17%, seguita da Emilia-Romagna, Lazio e Lombardia con il 13% delle preferenze.

Durante la pandemia le visite dei russi e americani sono calate intorno al milione. Le presenze dei russi, oggi, sono sicuramente destinate a calare nuovamente a causa delle restrizioni e della guerra. Cosa accadrà nei prossimi mesi? Difficile prevederlo con esattezza, ma il settore del turismo dovrà sicuramente fare i conti anche con questa crisi.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 06:43
Notizie
TendenzaMeteo, ondata di caldo ai titoli di coda: dopo il 6 luglio arrivano aria fresca e temporali localmente intensi
Meteo, ondata di caldo ai titoli di coda: dopo il 6 luglio arrivano aria fresca e temporali localmente intensi
Una perturbazione si prepara a investire l'Italia, accompagnata da aria fresca e da un carico di temporali localmente intensi: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Luglio ore 11:12

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154