FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Le grotte carsiche dell'Appennino emiliano-romagnolo sono ora Patrimonio Mondiale Unesco

Sono le grotte carsiche dell'Appennino emiliano-romagnolo la 59ma meraviglia d'Italia che entra a far parte del Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco
23 Settembre 2023 - ore 09:41 Redatto da Redazione Meteo.it
23 Settembre 2023 - ore 09:41 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
© Graziano Agolini - Sito Unesco

Le bellezze naturali nel nostro Paese sono davvero tantissime, e tra queste le grotte rappresentano un bellissimo capitolo, spesso avvolto di misteri. È questo il caso di quel "mondo sotterraneo" situato lungo l'Appennino emiliano-romagnolo, ben 900 grotte in un'area relativamente piccola che è appena entrato a far parte del Patrimonio dell'Umanità Unesco.

Carsismo nelle Evaporiti e Grotte dell’Appennino Settentrionale entrano a far parte del Patrimonio Unesco

La candidatura per ottenere il riconoscimento da parte dell'Unesco è partita dalla Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza energetica della regione Emilia Romagna. I Gessi triassici dell’Alta Valle Secchia, i Gessi della Bassa Collina Reggiana, i Gessi di Zola Predosa, i Gessi Bolognesi, la Vena del Gesso Romagnola, le Evaporiti di San Leo e i Gessi di Onferno, avevano infatti tutte le caratteristiche per soddisfare l'ottavo dei 10 criteri stabiliti dalle linee guida Unesco per ottenere il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

In sette diverse aree tra le province di Reggio Emilia, Bologna, Ravenna e Rimini sono infatti racchiuse oltre 900 grotte - per un totale di 100 km di "mondo sotterraneo" - che rappresenta il primo e il meglio studiato fenomeno carsico evaporitico al mondo, con lavori accademici iniziati nel XVI secolo. In quest'area sono comprese anche alcune delle grotte di gesso più profonde esistenti al mondo, che raggiungono i 265 metri di profondità.

Tutto ciò costituisce "una straordinaria testimonianza dei principali periodi dell'evoluzione della Terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative". Questo è il criterio previsto dalle linee operative Unesco che ha permesso a quest'area di chiedere e ottenere l'ambito riconoscimento.

In Italia 59 meraviglie iscritte nella lista Patrimonio dell'Umanità Unesco

Non esiste al mondo altro sistema carsico che possa vantare quattro secoli di studi da parte di scienziati e menti illustri: le grotte nei gessi dell'Emilia Romagna rappresentano il "mondo sotterraneo" più studiato, e quello che ha permesso di elaborare molte delle più moderne teorie scientifiche sul carsismo evaporitico.

La deposizione di sali di gesso e salgemma si è avuta in seguito ai due eventi geologici più imponenti della storia della terra. La disgregazione del supercontinente Pangea - avvenuta circa 200 milioni di anni fa - e la catastrofe ecologica derivata dalla chiusura dello stretto di Gibilterra di circa 6 milioni di anni fa. Quest'ultima determinò l'evaporazione e il conseguente disseccamento di quasi tutto il Mediterraneo, originando quella che è rimasta nella storia come la "Crisi di Salinità del Mediterraneo".

I siti - entrati ora a far parte del Patrimonio Unesco come 59° meraviglia italiana - rappresentano un'importante testimonianza di quanto avvenuto, e sono di grande interesse per la storia della ricerca geologica, paleontologica, biologica, archeologica e per la storia dell’arte.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, nuova ondata di caldo in vista: punte oltre 35 gradi
Meteo, nuova ondata di caldo in vista: punte oltre 35 gradi
Temperature di nuovo in netto aumento dalla seconda parte della settimana: torna l'Anticiclone Nord-Africano. Al Nord clima afoso da giovedì 27 giugno. La tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Giugno ore 19:54

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154