FacebookInstagramTwitterMessanger

Covid, le regole dal 1 aprile: decreto in Gazzetta Ufficiale. Ecco cosa cambia

Dal 31 marzo termina lo stato di emergenza Covid: ecco tutte le restrizioni che finiscono cosa cambia da venerdì 1 aprile tra Green Pass, trasporti, negozi, locali ed eventi.
{icon.url}27 Marzo 2022 - ore 15:01 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
27 Marzo 2022 - ore 15:01 Redatto da Redazione Meteo.it

Il ritorno alla vita pre Covid è sempre più vicino. Dal 31 marzo finisce lo stato di emergenza per la pandemia con l'entrata in vigore del decreto del Governo Draghi pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Si tratta di un decreto che libera i cittadini da una serie di regole, restrizioni e norme che hanno cambiato, da due anni a questa parte, le nostre vite. Ecco cosa cambia dal 1 aprile in merito a Green Pass, mascherine, ma anche viaggi, quarantene e trasporti pubblici.  

Covid Italia, dal 1 aprile cosa cambia

Da venerdì 1 aprile entrano in vigore le nuove regole introdotte dal decreto del Governo Draghi in merito alla pandemia. Un ritorno alla normalità visto che decadono moltissime norme in merito all'utilizzo del Green Pass, mascherine e tanto altro. Partiamo dal Green Pass: dal 1 aprile non sarà più necessario esibire il Green Pass rafforzato, ottenuto da chi ha completato il ciclo vaccinale o chi è guarito da Covid da meno di sei mesi, per accedere a bar e ristoranti all'aperto. Il Green Pass rafforzato sarà ancora richiesto solo in caso di feste o eventi che possano causare assembramenti. Dal 1 al 30 aprile, invece, in caso di bar e ristoranti al chiuso è necessario mostrare ancora il Green Pass base rilasciato con il vaccino, con la guarigione e con un tampone antigenico e/o molecolare.

Novità anche in materia di trasporti. Per viaggiare a bordo di un bus, tram o metropolitana dal 1 aprile basterà esibire il Green Pass base indossando sempre una mascherina Ffp2. Stesse regole anche per viaggiare a bordo di una nave, aereo, e treni ad alta velocità.

Covid, le nuove regole dal 1 aprile: negozi, alberghi, palestre e discoteche

Con la fine dello stato di emergenza fissata il giorno 31 marzo, dal 1 aprile l'Italia vive una sorta di "freedom day" con l'abolizione di una serie di regole e restrizioni che da circa due anni hanno cambiato la nostra vita. Dal 1 aprile nessun obbligo di Green Pass per accedere ai negozi, resta solo l'obbligo di indossare fino al 30 aprile una mascherina, anche chirurgica.

Stop al Green Pass anche per soggiornare in un hotel e strutture ricettive dove il passaporto sanitario rafforzato resta obbligatorio fino al 30 aprile per accedere alle aeree benessere, piscine e spogliatoi. Nessun Green Pass anche per recarsi dal parrucchiere, barbieri, saloni di bellezza e centri estetici, ma anche per entrare in banca, uffici pubblici e poste.

Per piscine, palestre e centri benessere al chiuso resta obbligatorio il Green Pass rafforzato per allenarsi, rilassarsi, ma anche per accedere a docce e spogliatoi fatta eccezione per "gli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità". L'obbligo decade dal 1 maggio. Novità anche in merito agli spettacoli, concerti, manifestazioni ed eventi sportivi: fino al 30 aprile è richiesto il Green Pass base con obbligo di mascherina Ffp2, mentre per andare al cinema, teatro e sale al chiuso è richiesto Green Pass rafforzato e mascherina ffp2. Stesse regole anche per discoteche e feste dove è necessario, fino al 30 aprile, l'obbligo del green pass rafforzato.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 06:43
Notizie
TendenzaMeteo, ondata di caldo ai titoli di coda: dopo il 6 luglio arrivano aria fresca e temporali localmente intensi
Meteo, ondata di caldo ai titoli di coda: dopo il 6 luglio arrivano aria fresca e temporali localmente intensi
Una perturbazione si prepara a investire l'Italia, accompagnata da aria fresca e da un carico di temporali localmente intensi: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Luglio ore 11:19

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154