FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Quanto costa davvero tenere l'aria condizionata accesa?

Ogni giorno trascorso con il condizionatore in funzione comporta un aumento di circa 3 euro sulla bolletta dell'energia. Ecco alcuni consigli per spendere meno e tutelare allo stesso tempo l'ambiente
22 Giugno 2022 - ore 09:25 Redatto da Redazione Meteo.it
22 Giugno 2022 - ore 09:25 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

L’aria condizionata è senza dubbio un ottimo alleato per combattere il grande caldo estivo, ma ha un costo sia per l'ambiente sia come impatto sulla bolletta dell'energia elettrica. Facendo riferimento ai dati dell’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori (Adoc), tenere il condizionatore acceso per una media giornaliera di 12 ore determina un rincaro di circa 160 euro nella bolletta bimestrale, ossia poco meno di 3 euro al giorno. Leggermente diverse - e in particolare inferiori - sono le stime pubblicate da Altroconsumo, secondo cui 5 ore al giorno di aria condizionata hanno un costo medio di 1,50 euro.

Alternative al condizionatore

Già da qualche giorno stiamo facendo i conti con un’ondata di caldo intenso, con temperature che superano i 35°C in molte regioni del nostro paese. Per avere un po’ di sollievo, oltre a una serie di abitudini che tutti possiamo seguire per affrontare al meglio le giornate estive, si ricorre spesso all’aria condizionata.

In molti uffici o abitazioni, gli impianti lavorano a pieno regime per garantire un po’ di frescura alle persone, con conseguenze significative sulla bolletta della luce. Ovviamente, è difficile fare stime precise sul costo quotidiano dell'aria condizionata, perché il prezzo finale è influenzato da una lunga serie di fattori: temperatura interna ed esterna, umidità, isolamento dell'edificio eccetera.

Insomma, facendola semplice, per evitare di ricevere bollette troppo salate bisogna cercare di ridurre l’utilizzo degli impianti di rinfrescamento, preferendo, quando possibile, l’aria esterna o i ventilatori. Quest’ultimo, infatti, consuma 15 volte meno energia rispetto al condizionatore, determinando un vantaggio sia per l’ambiente sia per il portafogli. Quando invece la temperatura esterna si abbassa, per esempio nelle ore notturne o dopo un temporale, aprire le finestre è ovviamente la soluzione in tutti i sensi più sostenibile.

Un’altra possibilità spesso sottovalutata riguarda l’utilizzo degli impianti di rinfrescamento in modalità deumidificatore: infatti l’umidità è la principale responsabile della sensazione di calore e intervenire per ridurla permette di avere una sensazione di sollievo, con un minore utilizzo di energia rispetto all'utilizzo del condizionatore in modalità standard.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo: stop al freddo nel weekend, ma arriva ancora qualche pioggia. La tendenza da sabato 27 aprile
Meteo: stop al freddo nel weekend, ma arriva ancora qualche pioggia. La tendenza da sabato 27 aprile
Gli aggiornamenti meteo confermano che già dal 25 aprile si attenua l'afflusso di aria fredda, con temperature anche oltre la norma nel weekend
Mediaset

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Aprile ore 01:14

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154