FacebookInstagramXWhatsApp

Come nasce la tradizione dell’albero di Natale? 5 curiosità

Sfavillanti di luci e colori, illuminati a festa, gli alberi di Natale riempiono le nostre case e le piazze. Ma come nasce la tradizione di addobbare l'abete natalizio?
Calendario24 Novembre 2022 - ore 12:21 Redatto da Redazione Meteo.it
Calendario24 Novembre 2022 - ore 12:21 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Addobbati con tante palline e festoni colorati, illuminati da sfarzose luci, gli alberi di Natale in questi giorni iniziano a comparire nelle case e nelle nostre piazze. Ma come nasce la tradizione di addobbare l'abete con l'approssimarsi del Natale? Ecco 5 curiosità che forse non conosci sulle origini e la storia di questa usanza antichissima.

Albero di Natale, le origini sono pagane

La tradizione che accompagna l'albero di Natale sembra avere origini nella cultura celtica. Sarebbero infatti stati i druidi - antichi sacerdoti del Celti - ad addobbare gli abeti con nastri, piccole campane e animaletti votivi per propiziarsi il favore degli spiriti.

Stando alle testimonianze anche nel Nord Europa i Vichinghi seguivano il culto dell'abete rosso, considerandolo in grado di esprimere poteri magici. Gli alberi venivano decorati con frutti per propiziare il "ritorno alla vita" che la primavera avrebbe riportato.

Si tratta quindi di una tradizione risalente ai culti pagani, che i popoli germanici e i celti facevano coincidere con Yule, i festeggiamenti legati al solstizio d'inverno.

Con la nascita del Cristianesimo l'usanza dell'albero addobbato si afferma anche nella tradizione cristiana. Secondo alcune fonti, la scelta dell'abete per i Cristiani è legata anche alla sua tipica forma triangolare, che rappresenterebbe la Santa Trinità.

Quando nasce la tradizione di addobbare l'albero di Natale

Si tratta di un origine antichissima, che sembra risalire addirittura al 1441. Fu proprio in quell'anno che a Tallin - in Estonia - venne realizzato il primo abete addobbato. La pianta venne collocata nella piazza del Municipio, Raekoja Plats, e intorno a essa giovani uomini e donne non sposati ballavano per trovare l’anima gemella.

L’usanza venne poi ripresa dalla Germania - e più precisamente a Brema - dove nel 1570 si racconta di un albero decorato con noci, mele, datteri e fiori di carta. Tra le città "candidate" a sede del primo albero di Natale c’è anche Riga, in Lettonia, dove una targa scritta in otto lingue riporta l’evento datato 1510.

Per trovare traccia del primo albero di Natale all'interno di un'abitazione bisogna attendere il 1611, quando la Duchessa di Brieg in Germania - dopo aver adornato il castello - si accorse che un angolo della sala era rimasto spoglio e ordinò di trapiantare un abete del giardino e portarlo lì.  In Francia l'abete di Natale arriva nel 1840, grazie alla duchessa d'Orleans.

Il primo albero di Natale italiano è al Quirinale

Il primo albero di Natale in Italia è stato realizzato nella seconda metà dell'Ottocento dalla Regina Margherita di Savoia, moglie di re Umberto I. La prima regina consorte d'Italia volle illuminare con uno sfavillante abete il Natale al Quirinale, allora residenza della famiglia reale.

La novità piacque molto al popolo, e ben presto l'abete natalizio iniziò a comparire nelle case e nelle città italiane segnando, insieme al Presepe, l'arrivo di uno dei periodi più belli e suggestivi dell'anno.

Albero di Natale, dalle decorazioni all'illuminazione

Gli alberi di Natale che oggi rallegrano le nostre case e le piazze cittadine non hanno solo palline e festoni a ricordare gli antichi addobbi, ma si arricchiscono anche di luci. Quando è che l'abete inizia a essere illuminato nei giorni che precedono il Natale?

L'usanza di dotare di luci elettriche l'albero natalizio è da attribuire allo statunitense Edward H. Johnson, socio del più celebre Thomas Edison. Johnson realizzò delle luci elettriche per addobbare l'abete addobbato della propria abitazione nel 1885.

Perché proprio l'abete

Tra tante piante perché proprio l'abete viene utilizzato per la realizzazione degli alberi di Natale? Questo tipo di pianta è da sempre simbolo di vita, poiché rimane sempreverde anche in inverno.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Meteo, da mercoledì 24 sole e caldo in aumento. Fine luglio sotto una nuova ondata di caldo
    Previsione23 Luglio 2024

    Meteo, da mercoledì 24 sole e caldo in aumento. Fine luglio sotto una nuova ondata di caldo

    Passate le due perturbazioni, sull'Italia torna l'alta pressione: le giornate saranno più stabili, soleggiate e sempre più calde. Le previsioni meteo
  • Meteo, martedì 23 sole e caldo senz'afa. Nel pomeriggio temporali su Alpi e Appennini
    Previsione23 Luglio 2024

    Meteo, martedì 23 sole e caldo senz'afa. Nel pomeriggio temporali su Alpi e Appennini

    La perturbazione transitata lunedì ha reso il caldo più sopportabile da Nord a Sud. Una perturbazione sfiora il Nord: le previsioni meteo
  • Meteo, caldo senza afa: martedì 23 temporali su parte del Nord
    Previsione23 Luglio 2024

    Meteo, caldo senza afa: martedì 23 temporali su parte del Nord

    Il caldo è diventato più sopportabile grazie all'arrivo di aria più fresca che ha spazzato via l'afa. Al Nord torna un po' di instabilità
  • Meteo, martedì 23 sole e caldo sopportabile sull'Italia: torna qualche temporale al Nord
    Previsione22 Luglio 2024

    Meteo, martedì 23 sole e caldo sopportabile sull'Italia: torna qualche temporale al Nord

    Una nuova perturbazione lambisce il Nord, portando un po' di instabilità. Al Centro-Sud prevale il sole, con clima caldo ma senza afa
Ultime newsVedi tutte


Meteo, ultimo weekend di luglio sotto l'anticiclone: caldo intenso da domenica 28
Tendenza23 Luglio 2024
Meteo, ultimo weekend di luglio sotto l'anticiclone: caldo intenso da domenica 28
L'alta pressione torna sull'Italia: sole e caldo insisteranno almeno fino alla fine del mese di luglio. La tendenza meteo
Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Tendenza22 Luglio 2024
Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Le temperature torneranno ad aumentare gradualmente: da domenica 28, in particolare, il caldo diventerà di nuovo intenso e insistente
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
Tendenza21 Luglio 2024
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
A metà settimana il caldo rientrerà nei ranghi con valori estivi ma senza eccessi. Nell'ultima parte di settimana possibile una nuova fase calda.
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Luglio ore 19:28

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154