FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Supercelle temporalesche, cosa sono e perché si verificano in Pianura Padana. VIDEO

Causano fenomeni brevi e intensi, capaci di causare gravi danni come accaduto in questi giorni in Lombardia, Veneto e Friuli. Ecco cosa c’è da sapere
26 Luglio 2023 - ore 12:32 Redatto da Redazione Meteo.it
26 Luglio 2023 - ore 12:32 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Tra le tante e sgradite sorprese che il cambiamento climatico sta portando in Italia ci sono anche le cosiddette “supercelletemporalesche, che in questi giorni si sono abbattute sulla Pianura Padana. Si tratta - riporta Sky TG24 - di fenomeni brevi e intensi, capaci di causare gravi danni come accaduto in questi giorni in Lombardia, Veneto e Friuli. Si tratta di un fenomeno comune in alcune zone del mondo, come per esempio le grandi pianure degli Stati Uniti, e che dagli anni Novanta si stanno verificando anche con crescente frequenza nel bacino del Mediterraneo.

Supercelle: cosa sono e come si formano

Come spiegato a Repubblica da Marcello Miglietta, dirigente di ricerca dell’Istituto di Scienze dell'Atmosfera e del Clima, la “supercella” si forma quando a una normale cella temporalesca si aggiunge “un ingrediente in più”: rispetto a una normale cella, infatti, “il vento non è costante con la quota ma tende a intensificarsi. Nel normale temporale, nella fase di dissolvimento l’aria più calda viene trascinata verso il basso e va a raffreddare l’aria più fredda, nella supercella questo non succede perché il vento ha un’inclinazione trasversale”. E questo può causare “fenomeni più violenti: “grandine, tornado e downburst, cioè raffiche di vento discensionali con moto verticale”.

Perché si sono create in Pianura Padana

Nelle scorse settimane, le ondate di caldo causate dall’anticiclone africano hanno fatto accumulare molto calore e umidità negli strati più bassi della Pianura Padana. Appena questa massa d’aria calda è entrata in contatto con aria fredda, si sono create le condizioni per la nascita di supercelle che hanno scaricato un’enorme quantità di energia sotto forma di nubifragi, grandine e trombe d’aria. “Le supercelle si cono sempre state, ma è chiaro che con le ondate di calore e soprattutto con il notevole aumento delle temperature del mare si sviluppa più energia e quindi più fenomeni intensi”, ha spiegato ancora Miglietta.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, solstizio d'estate rovente: venerdì 21 apice del caldo, ma attenzione ai temporali al Nord
Meteo, solstizio d'estate rovente: venerdì 21 apice del caldo, ma attenzione ai temporali al Nord
L'ondata di caldo raggiungerà il picco nella parte finale della settimana, insieme ad un ritorno dei temporali al Nord
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Giugno ore 17:36

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154