FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Smart working toccasana per l’ambiente? Così si possono tagliare le emissioni. VIDEO

Secondo uno studio, chi lavora sempre da casa produce il 54% di emissioni dannose in meno rispetto a chi invece va in ufficio. È comunque necessario considerare diversi fattori per ridurre l’impatto sull’ambiente: ecco cosa serve sapere
19 Settembre 2023 - ore 15:00 Redatto da Redazione Meteo.it
19 Settembre 2023 - ore 15:00 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Lavorare da casa può essere un toccasana per l’ambiente: a dirlo è una ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences e citata dal Guardian. Secondo gli studiosi, chi lavora sempre da casa produce il 54% di emissioni dannose in meno rispetto a chi invece va in ufficio. Mentre chi si affida a un sistema ibrido casa/ufficio non riduce in modo significativo le emissioni. Secondo le evidenze raccolte, infatti, un giorno lavorando da casa a settimana riduce le emissioni solamente del 2%. Chi invece fa smart working dai due ai quattro giorni a settimana in media diminuisce le emissioni del 29% rispetto a chi lavora in ufficio.

L’impatto dello smart working sulle emissioni

Secondo i ricercatori della Cornell University e di Microsoft, le ragioni principali della diminuzione di emissioni nocive sono il minore consumo di energia in ufficio e il minore consumo di carburanti per i trasporti quotidiani verso l’ufficio. Inoltre il minor numero di veicoli in strada contribuisce a diminuire il traffico nelle ore di punta, creando un circolo virtuoso. Tuttavia, per massimizzare la riduzione di emissioni è necessario pianificare con cura lo smart working: secondo i ricercatori, infatti, chi lavora da casa tende ad aumentare le emissioni in viaggi non legati al lavoro. Inoltre, non tutte le apparecchiature elettroniche domestiche sono efficienti in termini di consumi energetici rispetto a quelle in ufficio.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, solstizio d'estate rovente: venerdì 21 apice del caldo, ma attenzione ai temporali al Nord
Meteo, solstizio d'estate rovente: venerdì 21 apice del caldo, ma attenzione ai temporali al Nord
L'ondata di caldo raggiungerà il picco nella parte finale della settimana, insieme ad un ritorno dei temporali al Nord
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Giugno ore 14:17

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154