FacebookInstagramTwitterMessanger

Sciopero taxi 5 e 6 luglio: quali i possibili disagi?

I taxi e le auto a noleggio con conducente sciopereranno nelle giornate del 5 e del 6 luglio: perché e quali sono i possibili disagi
{icon.url}3 Luglio 2022 - ore 15:07 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
3 Luglio 2022 - ore 15:07 Redatto da Redazione Meteo.it

48 ore di sciopero per taxi e auto a noleggio con conducente, ecco i motivi e i possibili disagi per le giornate del 5 e del 6 luglio 2022.

Sciopero taxi 5 e 6 luglio 2022, perché

Tassisti e ncc (noleggio con conducente) hanno indetto uno sciopero per le giornate di martedì 5 e mercoledì 6 luglio 2022. Ad annunciarlo sono state le principali sigle sindacali come Fast-Confsal, Confartigianato Taxi, Satam, Tam, Usb-Taxi, Unica Filt-Cgil, Uiltrasporti, CNA Fita Taxi, CLAAI, Legacoop Produzione e Servizi, Uritaxi, UTI, Unimpresa, Fit-Cisl, Casartigiani e ORSA Trasporti. Il motivo alla base dell'interruzione del servizio è la protesta contro il DDL Concorrenza e la liberalizzazione del settore.

A nulla è servito l'incontro che lunedì scorso si è tenuto fra le rappresentanze sindacali di categoria taxi e Ncc e la viceministra alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili Teresa Bellanova, che non ha fatto altro che confermare le intenzioni dei trasportatori. I sindacati hanno avanzato la richiesta di eliminare l’art. 10 del DDL Concorrenza, dando il via ai decreti attuativi di riforma del comparto che il Parlamento aveva varato 3 anni fa, nel 2019. I tassisti chiedono tutele al governo e di portare a termine l'iter legislativo avviato proprio nel 2019 e ribadendo che la liberalizzazione delle attività di taxi e noleggio con conducente è dannosa per l'intero settore, delegittimando la professionalità dei lavoratori.

Sciopero taxi 5 e 6 luglio 2022, i possibili disagi

Preoccupazione per l'utenza del settore dei taxi, che subirebbe notevoli disguidi martedì e mercoledì, due giorni lavorativi per chi non può ancora godersi il beneficio delle ferie. È di questo avviso la viceministra Bellanova, che chiede responsabilità nei confronti dell’utenza e di un servizio che deve essere garantito. Ma quali sono i veri disagi che questo sciopero può provocare? A tranquillizzare i consumatori è il presidente della Commissione di Garanzia sugli Scioperi Giuseppe Santoro-Passarelli, che ha dichiarato quanto sia insufficiente mantenere attive le sole corse di emergenza:

Il garante degli scioperi ritiene opportuno rammentare che tutte le manifestazioni di protesta nei servizi pubblici essenziali devono essere effettuate nel rispetto dei termini e delle modalità previsti dalla legge n. 146 del 1990 e ss.mm., nonché dalla Regolamentazione provvisoria del settore. Al di fuori di una legittima proclamazione di sciopero, non è sufficiente garantire le sole corse di emergenza, ma deve essere assicurato il regolare svolgimento del servizio nella sua interezza.
TG Meteo Nazionale - edizione delle 06:38
Notizie
TendenzaMeteo, giovedì maltempo intenso al Centro-Nord. Forte ma breve ondata di caldo al Sud
Meteo, giovedì maltempo intenso al Centro-Nord. Forte ma breve ondata di caldo al Sud
Venerdì 19 attenuazione del caldo anche al Sud e in Sicilia. Nel weekend prevarrà probabilmente l’Anticiclone delle Azzorre con sole e temperature alla norma
Mediaset

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Agosto ore 11:58

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154