FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Sciopero taxi 5 e 6 luglio: quali i possibili disagi?

I taxi e le auto a noleggio con conducente sciopereranno nelle giornate del 5 e del 6 luglio: perché e quali sono i possibili disagi
3 Luglio 2022 - ore 15:07 Redatto da Redazione Meteo.it
3 Luglio 2022 - ore 15:07 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

48 ore di sciopero per taxi e auto a noleggio con conducente, ecco i motivi e i possibili disagi per le giornate del 5 e del 6 luglio 2022.

Sciopero taxi 5 e 6 luglio 2022, perché

Tassisti e ncc (noleggio con conducente) hanno indetto uno sciopero per le giornate di martedì 5 e mercoledì 6 luglio 2022. Ad annunciarlo sono state le principali sigle sindacali come Fast-Confsal, Confartigianato Taxi, Satam, Tam, Usb-Taxi, Unica Filt-Cgil, Uiltrasporti, CNA Fita Taxi, CLAAI, Legacoop Produzione e Servizi, Uritaxi, UTI, Unimpresa, Fit-Cisl, Casartigiani e ORSA Trasporti. Il motivo alla base dell'interruzione del servizio è la protesta contro il DDL Concorrenza e la liberalizzazione del settore.

A nulla è servito l'incontro che lunedì scorso si è tenuto fra le rappresentanze sindacali di categoria taxi e Ncc e la viceministra alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili Teresa Bellanova, che non ha fatto altro che confermare le intenzioni dei trasportatori. I sindacati hanno avanzato la richiesta di eliminare l’art. 10 del DDL Concorrenza, dando il via ai decreti attuativi di riforma del comparto che il Parlamento aveva varato 3 anni fa, nel 2019. I tassisti chiedono tutele al governo e di portare a termine l'iter legislativo avviato proprio nel 2019 e ribadendo che la liberalizzazione delle attività di taxi e noleggio con conducente è dannosa per l'intero settore, delegittimando la professionalità dei lavoratori.

Sciopero taxi 5 e 6 luglio 2022, i possibili disagi

Preoccupazione per l'utenza del settore dei taxi, che subirebbe notevoli disguidi martedì e mercoledì, due giorni lavorativi per chi non può ancora godersi il beneficio delle ferie. È di questo avviso la viceministra Bellanova, che chiede responsabilità nei confronti dell’utenza e di un servizio che deve essere garantito. Ma quali sono i veri disagi che questo sciopero può provocare? A tranquillizzare i consumatori è il presidente della Commissione di Garanzia sugli Scioperi Giuseppe Santoro-Passarelli, che ha dichiarato quanto sia insufficiente mantenere attive le sole corse di emergenza:

Il garante degli scioperi ritiene opportuno rammentare che tutte le manifestazioni di protesta nei servizi pubblici essenziali devono essere effettuate nel rispetto dei termini e delle modalità previsti dalla legge n. 146 del 1990 e ss.mm., nonché dalla Regolamentazione provvisoria del settore. Al di fuori di una legittima proclamazione di sciopero, non è sufficiente garantire le sole corse di emergenza, ma deve essere assicurato il regolare svolgimento del servizio nella sua interezza.
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, da giovedì 18 vortice ciclonico sull'Italia: la tendenza fino al weekend
Meteo, da giovedì 18 vortice ciclonico sull'Italia: la tendenza fino al weekend
Sull'Italia potrebbero persistere condizioni meteo instabili fino al weekend del 20-21 aprile: la tendenza
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Aprile ore 09:43

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154