FacebookInstagramXWhatsApp

Riprodurre piante per talea: i segreti per un risultato perfetto

La riproduzione per talea consente di "clonare" le piante più belle e ottenere nuove culture con le caratteristiche genetiche della pianta madre. Ecco come fare per garantirsi ottimi risultati
Curiosità3 Giugno 2024 - ore 13:39 Redatto da Meteo.it
Curiosità3 Giugno 2024 - ore 13:39 Redatto da Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Prendersi cura del giardino è un modo per garantirsi spazi verdi sempre perfetti, ma anche un'ottima terapia contro lo stress. Per avere spazi verdi sempre pieni di colore, è anche possibile riprodurre le nostre piante più belle, magari attraverso talea che in questo periodo permette di "moltiplicare" la bellezza dei fiori anche a coloro che non hanno uno spiccato pollice verde.

Riproduzione delle piante per talea, in cosa consiste

Si tratta di un metodo abbastanza facile, che permette di riprodurre una pianta da una già esistente anche a chi non ha uno spiccato pollice verde. La riproduzione per talea è possibile per un'ampia varietà di piante, dagli alberi ai cactus, fino agli arbusti e alle succulente. Questa tecnica consiste nel prendere una porzione della pianta e collocarla nel terreno. La talea inizierà così a sviluppare nuove radici e a crescere, per formare una nuova pianta o albero che avrà le stesse caratteristiche genetiche del "genitore".

Esistono diversi tipi di talea:

  • Talee da germogli estratte praticando a primavera un taglio all’apice dei germogli di alcune piante
  • Talee di ramo giovane in cui le estremità delle piante vengono tagliate, una volta cresciute
  • Talee semi-lignificate da fare a fine estate, quando la crescita delle piante è già rallentata e i loro steli sono spessi e robusti
  • Talee lignificate conosciute anche come pali o pioli, prevedono il prelievo di rami legnosi da alberi e arbusti decidui durante il periodo invernale

Moltiplicazione delle piante per talea, le tecniche perfette

Pur trattandosi di una tecnica relativamente semplice, la riproduzione delle piante per talea ha bisogno di alcuni accorgimenti per dare risultati ottimali.

In primo luogo sarà importante munirsi dei giusti attrezzi, che sono:

  • un coltello affilato
  • contenitori dove piantare le nuove talee
  • un po' di terriccio specifico per talee in crescita
  • polvere radicante

Eseguire il taglio del ramo servendosi di un coltello affilato, facendo attenzione a tagliarlo il più vicino possibile al tronco principale e con una lunghezza di circa 10/15 cm. I rami scelti dovrebbero avere circa un anno, così da assicurare la giusta robustezza e al tempo stesso anche la presenza di tutti gli elementi necessari per una corretta propagazione. Il taglio dovrebbe essere diagonale (30-45°) per favorire la formazione delle radici. Anche le foglie e i germogli laterali potrebbero impedire la crescita dell'impianto radicale, per cui consigliamo di rimuoverle.

Una volta pronta, la talea prelevata dalla pianta madre può essere disposta in dei vasetti riempiti con il terriccio mischiato con la polvere radicante seguendo le indicazioni fornite dal produttore. A questo punto è importante fornirle un'umidità adeguata. Il consiglio è quello di mantenere il terriccio sempre umido, ma mai saturo d'acqua. Per mantenere il giusto livello di saturazione possiamo aiutarci con un telo, con il quale copriremo la nuova piantina, facendo attenzione a mantenerlo rialzato in modo tale da non danneggiarle.

Fornire alle piantine una giusta quantità di luce, facendo però attenzione a evitare i raggi diretti del sole.

È anche possibile procedere alla riproduzione per talea in acqua. In questo caso sarà sufficiente collocare la talea in una bottiglia d'acqua per due settimane. Già dopo sette giorni vedremo spuntare le prime radici. Una volta che l'impianto radicale si è sviluppato bene possiamo trasferire la piantina in un vaso con del terriccio, assicurandosi che il contenitore disponga di un buon sistema drenante.

Collocarlo in una zona buia per 3 giorni, per evitare che la pianta consumi energia con la fotosintesi, poi spostarlo in una zona ben illuminata e innaffiare la nuova piantina ogni 2-3 giorni.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Mamma balena e cucciolo nuotano nelle acque dell’Asinara - Video
    Ambiente18 Luglio 2024

    Mamma balena e cucciolo nuotano nelle acque dell’Asinara - Video

    Il video eccezionale di due balene, mamma e cucciolo, che nuotano tranquille vicino alla costa nel Parco Nazionale dell’Asinara
  • Ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha ferito un turista in Trentino
    Ambiente18 Luglio 2024

    Ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha ferito un turista in Trentino

    Il presidente della provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, ha ordinato l’abbattimento dell’orsa che ha aggredito un turista francese
  • Sardegna: tavoli e ombrelloni su isola protetta
    Ambiente18 Luglio 2024

    Sardegna: tavoli e ombrelloni su isola protetta

    Sardegna vittima di un episodio di inciviltà da parte di alcuni bagnanti sbarcati su un'isola protetta
  • Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?
    Ambiente17 Luglio 2024

    Etna, la cenere preoccupa la città di Catania: da problema a (anche) risorsa?

    La cenere dell'Etna sta causando problemi alla città di Catania e ai suoi abitanti. Bisogna smaltirla, ma in futuro potrebbe essere una risorsa
Ultime newsVedi tutte


Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Tendenza22 Luglio 2024
Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Le temperature torneranno ad aumentare gradualmente: da domenica 28, in particolare, il caldo diventerà di nuovo intenso e insistente
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
Tendenza21 Luglio 2024
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
A metà settimana il caldo rientrerà nei ranghi con valori estivi ma senza eccessi. Nell'ultima parte di settimana possibile una nuova fase calda.
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
Tendenza20 Luglio 2024
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
La prossima settimana segnerà finalmente la fine della lunga ondata di calore che sta interessando l'Italia: rischio di temporali e forti venti.
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Luglio ore 03:51

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154