FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Occhi arrossati? Una condizione frequente, ma da tenere monitorata

L'arrossamento dell'occhio può essere la conseguenza di un fattore ambientale o un segnale di una malattia: comprendere la causa è essenziale per evitare complicazioni
26 Maggio 2023 - ore 07:50 Redatto da Redazione Meteo.it
26 Maggio 2023 - ore 07:50 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Gli occhi solitamente non dovrebbero essere arrossati e, anche se dovesse succedere di frequente, quando si verifica questa condizione è importante non sottovalutarla, perché potrebbe essere il campanello d’allarme di un problema di salute.

L'arrossamento si può verificare a causa di fattori esterni temporanei come allergeni, polvere, vento e aria secca, oppure possono essere un segnale di una patologia specifica, più o meno grave. In alcuni casi è sufficiente qualche accortezza - come fare riposare la vista o indossare gli occhiali da sole - mentre altre volte è necessario un parere medico per scegliere la terapia opportuna.

Come stabilire la causa e scegliere il rimedio

Gli occhi arrossati sono una condizione piuttosto comune, che si ha a causa della dilatazione dei vasi sanguigni interni: l'aumento del diametro dei capillari permette il passaggio di una quantità maggiore di sangue e cambia la colorazione della sclera. Per adottare la giusta strategia di cura è fondamentale, anzitutto, comprendere la causa del rossore.

Proprio perché le possibili cause sono molto numerose, non sempre è facile stabilire se si tratta di una condizione non preoccupante o un segnale di una malattia dell'occhio o sistemica. Anzitutto, è bene valutare la durata del sintomo: se dura pochi minuti o qualche ora è probabile che si tratti della conseguenza di una specifica condizione ambientale. Al contrario, nei casi in cui il sintomo persiste per più tempo la causa può essere più seria: infezione, congiuntivite, glaucoma, orzaiolo, presbiopia, sindrome dell’occhio secco e ulcera sono solo alcune delle possibilità.

In questi ultimi casi è necessaria una visita specialista per individuare il trattamento più appropriato, mentre i casi più temporanei si risolvono spontaneamente con qualche attenzione come riposo, occhiali da sole o colliri specifici, ricordando comunque di rivolgersi al medico quando necessario.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo: ponte del 25 aprile molto variabile. Quando andrà via il freddo artico?
Meteo: ponte del 25 aprile molto variabile. Quando andrà via il freddo artico?
Colpo di coda invernale sull'Italia dove nella seconda parte di settimana si potrebbe vedere un graduale cambiamento. Ponte del 25 aprile incerto
Mediaset

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Aprile ore 21:38

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154