FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Maltempo, forti piogge: esonda il torrente Re. Niardo e Braone travolti da acqua e fango | Foto

Dopo l'esondazione del torrente Re, i comuni di Niardo e Braone sono stati travolti da acqua e fango. Si contano ingenti danni e 100 sfollati nel Bresciano a causa del maltempo che ha colpito, nelle ultime ore, il Nord d'Italia
28 Luglio 2022 - ore 11:59 Redatto da Redazione Meteo.it
28 Luglio 2022 - ore 11:59 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Foto da Twitter

A causa del forte maltempo e della pioggia battente è esondato, nel Bresciano, il torrente Re e i comuni di Niardo e Braone sono stati travolti da acqua e fango. Ecco i dettagli di quanto accaduto nelle ultime ore.

Maltempo nel Bresciano: 100 sfollati dopo l'esondazione del Re

La forte pioggia che nella notte si è abbattuta sulla Vallecamonica, nel Bresciano, ha provocato l'esondazione del torrente Re. Per via del forte maltempo 100 persone sono state evacuate dai comuni di Braone e Niardo. La forza dell'acqua del torrente, oltre ad invadere strade e case, ha trascinato anche grossi massi dalla montagna.  

Nella stessa zona si registrano tre feriti non gravi. Tanti i danni. A causa di detriti caduti, ad esempio, la strada statale 42 del Tonale e della Mendola è stata provvisoriamente chiusa dal km 87,700 al km 96,00 da Breno a Capo di Ponte, in provincia di Brescia. Le squadre dell'Anas e le Forze dell'Ordine stanno lavorando per la pulizia e la messa in sicurezza del piano viabile e ma anche per la gestione della viabilità. Inagibile anche la ferrovia per i collegamenti via treno. La Protezione Civile ha allestito due centri di raccolta della popolazione a Ceto e Breno.

Non appena saranno terminati i lavori per mettere in sicurezza tutta la popolazione e ripristinare la viabilità si passerà alla conta dei danni. Ad una prima vista appaiono comunque ingenti visto che sono state travolte da acqua e fango abitazioni civili, la ferrovia, le strade e diverse attività commerciali.

Maltempo anche al Centro: Marche e Abruzzo sotto la grandine

Nel pomeriggio di ieri, 27 luglio 2022, il maltempo ha colpito anche le regioni del Centro. Pioggia, grandine e vento hanno investito Marche e Abruzzo. Ad essere interessate, in particolare, sono state Ancona e le province di Macerata ed Ascoli Piceno oltre a quella di Teramo.

Nel capoluogo marchigiano è intervenuto il ​​nucleo nautico dei vigili del fuoco, con i gommoni. A Macerata, pioggia e grandine hanno trasformato diverse strade in fiumi in piena. Chicchi di grandine grandi come noci hanno danneggiato diverse auto ad Ascoli mentre a Folignano è crollato in strada il lucernaio in plexiglass di una scuola, all'interno erano presenti alcuni operatori che si sono rifugiati nell'antibagno.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, da giovedì 27 migliora per l'espansione dell'anticiclone, ma al Nord non durerà a lungo
Meteo, da giovedì 27 migliora per l'espansione dell'anticiclone, ma al Nord non durerà a lungo
Da metà settimana il vortice si allontanerà, permettendo una nuova espansione dell'alta pressione sull'Italia: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Giugno ore 09:10

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154