FacebookInstagramXWhatsApp

L'albero della mela di Newton è stato abbattuto dalla tempesta Eunice

Da anni si trovava all'ingresso del giardino botanico di Cambridge: l'albero della mela di Newton è stato sradicato dalla tempesta Eunice.
Curiosità23 Febbraio 2022 - ore 14:49 Redatto da Redazione Meteo.it
Curiosità23 Febbraio 2022 - ore 14:49 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Credits: Samuel Brockington da twitter

Si trovava da ben 68 anni all'ingresso del giardino botanico di Cambridge. Parliamo dell'innesto del melo originale che tre secoli e mezzo fa fece cadere un frutto sulla testa dello scienziato inglese, ispirandolo a formulare la Legge di gravità. La pianta non ha resistito alla forza dei venti della tempesta Eunice.

Il simbolo di Cambridge sradicato della tempesta Eunice

Il clone del più famoso melo della storia non ha resistito alla violenta tempesta che nei giorni scorsi ha investito molte regioni del Regno Unito, causando morti, feriti e ingenti danni. Il vento ha raggiunto in alcuni punti i 200 km/h, trascinando nella sua furia cartelli stradali, tetti delle case, pali della luce e appunto alberi. Tra questi uno in particolare ha destato molto clamore: si tratta di un melo, apparentemente simile a molti altri, che da 68 anni accoglie turisti e visitatori all'ingresso del giardino botanico di Cambridge.

Apparentemente uguale a tutti gli altri, perché in realtà si trattava del clone di quel melo che, tre secoli e mezzo fa, fece cadere uno dei frutti sulla testa dello scienziato inglese Isaac Newton. Tutti sappiamo quale fu l'epilogo di quel frutto caduto, che servì a Newton per dare inizio agli studi che lo avrebbero poi condotto a formulare la Legge della gravitazione universale.

La pianta nel giardino di Cambridge, nota in tutto il mondo come "il melo di Newton", era il frutto di un innesto del melo che si trovava nel giardino della casa d’infanzia di Newton, a Woolsthorpe Manor, nel Lincolnshire. Ironia della sorte: anche la pianta originale venne distrutta nella prima metà del XIX secolo dal forte vento.

In quell'occasione furono prelevati diversi innesti, alcuni dei quali furono ripiantati nella tenuta di Belton House, in particolare alla Fruit Research Station di East Malling, uno dei principali istituti di ricerca su colture e piante orticole del Kent, in Inghilterra. Proprio da qui provengono la maggior parte dei meli di Newton, tra cui quello che si trovava nel giardino di Cambridge dal 1954.

E così nel conteggio dei danni della tempesta Eunice è da includere anche la distruzione di quello che fino a pochi giorni fa rappresentava un vero e proprio simbolo di Cambridge.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Oltre 35 mila crimini legati all'ambiente nel 2023: quali sono gli illeciti più frequenti e le regioni da "bollino nero"?
    Ambiente12 Luglio 2024

    Oltre 35 mila crimini legati all'ambiente nel 2023: quali sono gli illeciti più frequenti e le regioni da "bollino nero"?

    Ogni giorno vengono commessi mediamente 97,2 crimini ambientali, pari a 4 illeciti ogni ora. I dati emergono dall'ultimo report Legambiente.
  • Stromboli, la colata lavica lungo la Sciara del Fuoco: immagini riprese col drone
    Ambiente10 Luglio 2024

    Stromboli, la colata lavica lungo la Sciara del Fuoco: immagini riprese col drone

    La colata lavica lungo la Sciara del Fuoco del vulcano Stromboli è stata immortalata in una serie di foto e immagini condivise dall'Ingv
  • Etna, il vulcanologo: “Il cratere Voragine si è alzato di 15 metri”
    Ambiente10 Luglio 2024

    Etna, il vulcanologo: “Il cratere Voragine si è alzato di 15 metri”

    Dopo le eruzioni l'Etna sembra essersi placato. Il vulcanologo Mario Mattia spiega: "Il cratere Voragine si è alzato di 15 metri"
  • Come lavare frutta e verdura correttamente (ed eliminare tracce di pesticidi)
    Ambiente9 Luglio 2024

    Come lavare frutta e verdura correttamente (ed eliminare tracce di pesticidi)

    Frutta e verdura forniscono vitamine e sali minerali. Un lavaggio corretto aiuta a non "fare il pieno" anche di pesticidi e altre sostanze nocive
Ultime newsVedi tutte


Meteo: Italia caldissima anche settimana prossima, punte oltre i 40 gradi. Quanto durerà? La tendenza da lunedì 15
Tendenza12 Luglio 2024
Meteo: Italia caldissima anche settimana prossima, punte oltre i 40 gradi. Quanto durerà? La tendenza da lunedì 15
Caldo protagonista anche nel corso della prossima settimana, con il dominio dell'anticiclone africano: punte intorno ai 40 gradi e tanta afa.
Meteo, caldo africano a oltranza: quanto durerà? La tendenza da domenica 14
Tendenza11 Luglio 2024
Meteo, caldo africano a oltranza: quanto durerà? La tendenza da domenica 14
Dopo una pausa al Nord, accompagnata da forti temporali, l'ondata di calore insisterà praticamente in tutta Italia. Le zone più calde
Meteo, sabato lieve attenuazione del caldo al Nord, 40 gradi al Sud e Sicilia
Tendenza10 Luglio 2024
Meteo, sabato lieve attenuazione del caldo al Nord, 40 gradi al Sud e Sicilia
Il passaggio di una perturbazione porterà un po' di instabilità e un lievissimo calo termico al Nord. Caldo africano al Sud e Sicilia con punte di 40-42°C. La tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Sabato 13 Luglio ore 04:29

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154