FacebookInstagramTwitterMessanger

Caldo e condizionatori accesi, si rischia già un’estate di blackout in città

Continui blackout nelle metropoli italiane, la colpa principale è dei condizionatori. Disservizi a Milano e Torino. Le temperature molto superiori ai 30 gradi da giorni hanno innescato un incremento dell'uso dei condizionatori, che ha sovraccaricato le reti
{icon.url}21 Giugno 2022 - ore 12:44 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
21 Giugno 2022 - ore 12:44 Redatto da Redazione Meteo.it

Il caldo anomalo che si sta registrando in questi giorni sta rendendo difficile la vita nelle città e l'utilizzo eccessivo dei condizionatori rischia di provocare sempre più blackout (e i primi sono già partiti).

Condizionatori accesi in città, Milano e Torino in tilt

In città l'unico modo per combattere il caldo sembra quello di azionare il condizionatore, ma quella che pare essere una soluzione in realtà rischia di peggiorare le cose. Sono in molti che sembrano non essere preoccupati dal rincaro dell'elettricità e preferiscono abbassare (di molto) le temperature tramite i condizionatori, ma oltre alla bolletta è ancor più preoccupante il consumo energetico in crescita, che rischia di mandare in tilt le nostre città. I dati registrati mostrano come nella sola Milano lo scorso 17 giugno siano stati consumati ben 25 gigawattora, una quantità esagerata che supera del 10% quella del giorno prima e del 25% quella della settimana precedente.

Non è un caso dunque se nelle ore successive diversi blackout hanno colpito la città, specialmente nelle zone di viale Certosa, Brera, Affori e della Bovisa. Ma ancor prima del consumo record del 17 giugno si sono verificati diversi disguidi; il Duomo, per esempio, ha dovuto sospendere la salita sulle terrazze per via del blocco di ben 45 minuti dell'ascensore, ripristinato solo grazie all'intervento dei tecnici. Ma se Milano piange, Torino non ride con i suoi consumi energetici saliti dell'11% nel giro di una sola settimana e 3 ore di blackout per le zone di San Salvario e Vanchiglietta, com'era già successo ad altri comuni nella prima periferia torinese.

Eccessivo consumo energetico, perché le città vanno in blackout

Ma a cosa sono dovuti questi continui blackout nelle città maggiormente industrializzate? Il problema sarebbe causato dal cosiddetto effetto Joule. Secondo questo fenomeno, se si aumenta del 10% la richiesta energetica, i cavi si surriscaldano del 20% e, di conseguenza, non riescono a stare al passo con il consumo cittadino, andando di fatto in tilt. Le città di Milano e Torino dispongono di cavi interrati in grado di supportare non oltre i 105 gradi, ma l'eccessivo consumo di questi giorni sta mettendo a durissima prova la loro capacità.

I dati ci forniscono una triste realtà: in 40 anni in Europa l'energia necessaria per scaldare le case è diminuita dell'11%, mentre quella per raffreddarle è salita addirittura del 300%. Il segnale sembra inequivocabile come ulteriore effetto del riscaldamento globale. In Italia, poi, il consumo dei condizionatori equivale al triplo di quello del resto dell'Europa, dunque surriscaldare il cablaggio elettrico è più facile di quanto si creda. Mentre alcuni spingono per un potenziamento dei cavi, gli esperti suggeriscono invece una soluzione molto più efficace a lungo termine: il fotovoltaico, un sistema che non rimanderebbe il problema ma lo risolverebbe, dotando gli impianti di batterie di accumulo in modo da produrre energia dove la si consuma.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 19:39
Notizie
TendenzaMeteo: Ponte dell'Immacolata tra clima mite, piogge intense e neve. La tendenza
Meteo: Ponte dell'Immacolata tra clima mite, piogge intense e neve. La tendenza
Giovedì 8 dicembre tempo perlopiù stabile mentre dal pomeriggio e nella giornata di venerdì 9 un peggioramento interesserà il Centro-Nord: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Dicembre ore 02:40

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154