FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Bonus edilizi e regole Superbonus per interventi in corso, arrivano i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Ecco le ultime novità per i bonus edilizi e per il Superbonus 110% grazie alle FAQ pubblicate sul sito dell'Agenzia delle Entrate.
24 Novembre 2021 - ore 16:02 Redatto da Redazione Meteo.it
24 Novembre 2021 - ore 16:02 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay 

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Antifrode, in vigore dal 12 novembre 2021 hanno acquisito vitale importanza i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sui bonus edilizi e sulle regole per l'accesso al Superbonus 110% per tutti gli interventi in corso d'opera.  Con l'aggiornamento delle FAQ, l'Agenzia ha fornito tutti i chiarimenti necessari per quanto riguarda la cessione del credito, la verifica dei requisiti e il visto di conformità. Ecco pertanto tutte le informazioni più utili che occorre sapere per le ristrutturazioni edilizie già avviate.

Bonus edilizi e Superbonus 110%, cessione credito o sconto fattura: importante ultimare i lavori

Quali novità ci sono per la cessione del credito o per lo sconto in fattura per tutti quei lavori già in corso d'opera riguardanti bonus edilizi o il Superbonus 110%? La prima FAQ presa in esame riguarda proprio quei contribuenti che vogliono utilizzare le opzioni della cessione del credito o dello sconto in fattura previste dall’articolo 121 del dl 34/2020, ma poi alla fine non portano a termine i lavori.

L’opzione per la cessione del credito corrispondente alla detrazione o per il cosiddetto sconto in fattura può essere esercitata, infatti, solo se gli interventi oggetto dell’agevolazione vengono effettivamente completati. L'Agenzia ha pertanto chiarito che è necessario che gli interventi vengano comunque ultimati. E' possibile utilizzare la cessione del credito o lo sconto in fattura per lavori ancora in corso, ma è necessario che gli stessi vengano poi ultimati.

La mancata effettuazione degli interventi previsti o della loro conclusione, al pari dell’eventuale assenza di altro requisito, determina il decadimento del beneficio e il recupero della detrazione indebitamente fruita.

Rimane il fatto che i crediti possano essere accettati e ceduti nuovamente senza richiedere il visto di conformità e l’asseverazione della congruità delle spese. Nonostante ciò rimane la possibilità, per l’Agenzia delle Entrate, di attivare la procedura di controllo preventivo e sospensione prevista dall’articolo 122-bis del decreto Rilancio e introdotta proprio dal decreto antifrode.

Bonus edilizi: tutti i chiarimenti

Tralasciando per un attimo il Superbonus, è stato chiarito dall'Agenzia delle Entrate come, in merito agli altri bonus edilizi, il nuovo obbligo di apposizione del visto e dell’asseverazione non si applica ai contribuenti che prima del 12 novembre 2021 hanno ricevuto le fatture del fornitore, effettuato i pagamenti ed esercitato l’opzione per la cessione o lo sconto. Ciò vale anche se la comunicazione non è stata ancora inviata all'Agenzia delle Entrate.

Ai tecnici abilitati vengono richieste le dovute asseverazioni. Spetta a loro certificare la congruità delle spese sostenute in base alla nuova norma.

Il visto di conformità va richiesto solo per i dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione.

Per concludere un'altra FAQ molto importante ha chiarito il compito dei professionisti già abilitati alla verifica di congruità in ambito Superbonus che possono rilasciare per lo stesso tipo di intervento anche la nuova attestazione. Cosa significa? L'esempio è esplicativo. L'Agenzia delle Entrate dice che per gli interventi del Sismabonus non rientranti nel Superbonus 110%, può rilasciare l’asseverazione della congruità delle spese il soggetto abilitato a rilasciarla per gli interventi di riduzione del rischio sismico che danno diritto al Superbonus.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, vortice sull'Italia ad inizio settimana: tempo instabile fino a mercoledì 26
Meteo, vortice sull'Italia ad inizio settimana: tempo instabile fino a mercoledì 26
La perturbazione darà vita ad inizio settimana ad un vortice di bassa pressione che manterrà il tempo instabile: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno ore 03:54

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154