FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Allerta meteo arancione e gialla il 10 marzo 2024 in Italia: le regioni e zone a rischio

La Protezione Civile ha diramato uno stato allerta meteo arancione e gialla il 10 marzo 2024 in Italia per rischio maltempo. Le regioni interessate
9 Marzo 2024 - ore 20:08 Redatto da Redazione Meteo.it
9 Marzo 2024 - ore 20:08 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Scatta un nuovo stato di allerta meteo in Italia per la giornata di domenica 10 marzo 2024. Il Dipartimento di Protezione Civile ha diramato l'allarme meteo con allerta arancione e gialla in diverse regioni. Ecco dove.

Allerta arancione in Italia il 10 marzo 2024: ecco dove

L'Italia è ancora in una forte ed intensa ondata di maltempo. Piogge, rovesci e nevicate abbondanti da Nord a Sud con la Protezione Civile che ha emesso un nuovo stato di allerta meteo di colore arancione in Italia per domenica 10 marzo 2024. Scatta l'allerta arancione di moderata criticità per rischio idraulico in Italia in Emilia Romagna e nelle seguenti zone: Montagna emiliana centrale, Pianura reggiana, Pianura modenese, Bassa collina piacentino-parmense, Montagna piacentino-parmense, Alta collina piacentino-parmense, Pianura reggiana di Po, Collina emiliana centrale, Pianura piacentino-parmense.

Non solo, il Dipartimento Civile ha emesso anche l'allerta arancione per rischio idrogeologico in tre regioni dello stivale:

  • Emilia Romagna: Montagna emiliana centrale, Bassa collina piacentino-parmense, Montagna piacentino-parmense, Alta collina piacentino-parmense, Collina emiliana centrale;
  • Liguria: Bacini Liguri Marittimi di Ponente;
  • Veneto: Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone, Piave pedemontano.

Maltempo in Italia, scatta allerta gialla per piogge: ecco dove

Piogge e rovesci in buona parte d'Italia nel secondo weekend di marzo. Per la giornata di domenica 10 marzo la Protezione Civile ha comunicato un bollettino di allerta gialla per rischio piogge e temporali in diverse regioni. Ecco le zone a rischio:

  • Abruzzo: Bacino dell'Aterno, Marsica, Bacino Alto del Sangro;
  • Emilia Romagna: Montagna emiliana centrale, Bassa collina piacentino-parmense, Montagna piacentino-parmense, Alta collina piacentino-parmense, Collina emiliana centrale, Montagna bolognese, Collina bolognese, Alta collina romagnola, Montagna romagnola, Pianura piacentino-parmense;
  • Liguria: Bacini Liguri Padani di Levante, Bacini Liguri Marittimi di Ponente, Bacini Liguri Marittimi di Centro, Bacini Liguri Marittimi di Levante, Bacini Liguri Padani di Ponente;
  • Molise: Frentani - Sannio - Matese, Alto Volturno - Medio Sangro, Litoranea;
  • Umbria: Chiani - Paglia, Nera - Corno, Trasimeno - Nestore, Chiascio - Topino, Medio Tevere, Alto Tevere.

Non solo, sempre domenica 10 marzo 2024 scatta l'allerta gialla per rischio idraulico in:

  • Emilia Romagna: Pianura bolognese, Montagna bolognese, Collina bolognese;
  • Friuli Venezia Giulia: Bacino dell'Isonzo e Pianura di Udine e Gorizia;
  • Lombardia: Alta pianura orientale, Laghi e Prealpi orientali
  • Piemonte: Pianura Torinese e Colline, Pianura Cuneese, Belbo e Bormida, Valle Tanaro, Pianura settentrionale;
  • Sardegna: Logudoro;
  • Veneto: Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Livenza, Lemene e Tagliamento, Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone, Piave pedemontano.

Infine da non sottovalutare è l'allerta gialla di ordinaria criticità per rischio idrogeologico diramata per domenica 10 marzo 2024 nelle regioni e zone:

  • Abruzzo: Bacino dell'Aterno, Marsica, Bacino Alto del Sangro;
  • Emilia Romagna: Montagna bolognese, Collina bolognese, Alta collina romagnola, Montagna romagnola, Pianura piacentino-parmense;
  • Friuli Venezia Giulia: Bacino montano del Tagliamento e del Torre, Bacino del Livenza e del Lemene;
  • Lazio: Bacini di Roma, Appennino di Rieti, Bacino Medio Tevere, Bacini Costieri Nord, Bacino del Liri, Bacini Costieri Sud, Aniene;
  • Liguria: Bacini Liguri Padani di Levante, Bacini Liguri Marittimi di Centro, Bacini Liguri Marittimi di Levante, Bacini Liguri Padani di Ponente;
  • Lombardia: Alta pianura orientale, Pianura centrale, Laghi e Prealpi Varesine, Valcamonica, Laghi e Prealpi orientali, Lario e Prealpi occidentali, Orobie bergamasche, Bassa pianura orientale, Bassa pianura centro-orientale, Nodo Idraulico di Milano;
  • Molise: Frentani - Sannio - Matese, Alto Volturno - Medio Sangro, Litoranea;
  • Piemonte: Pianura Torinese e Colline, Pianura Cuneese, Toce, Belbo e Bormida, Valle Tanaro, Valli Varaita, Maira e Stura, Val Sesia, Cervo e Chiusella, Valli Orco, Lanzo e Sangone, Valli Susa, Chisone, Pellice e Po, Scrivia, Pianura settentrionale;
  • Sardegna: Bacini Montevecchio - Pischilappiu, Logudoro, Bacino del Tirso;
  • Toscana: Ombrone Gr-Medio, Etruria, Valdichiana, Valdelsa-Valdera, Valdarno Inf., Serchio-Garfagnana-Lima, Ombrone Gr-Costa, Arno-Casentino, Serchio-Costa, Arno-Valdarno Sup., Arno-Firenze, Arno-Costa, Bisenzio e Ombrone Pt, Etruria-Costa Nord, Etruria-Costa Sud, Lunigiana, Mugello-Val di Sieve, Reno, Romagna-Toscana, Serchio-Lucca, Valtiberina, Versilia, Fiora e Albegna, Ombrone Gr-Alto, Isole, Fiora e Albegna-Costa e Giglio;
  • Trentino Alto Adige: Provincia Autonoma di Trento;
  • Umbria: Chiani - Paglia, Nera - Corno, Trasimeno - Nestore, Chiascio - Topino, Medio Tevere, Alto Tevere;
  • Veneto: Basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone, Livenza, Lemene e Tagliamento, Adige-Garda e monti Lessini.
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, da sabato 20 aprile nuovo impulso instabile: gli effetti
Meteo, da sabato 20 aprile nuovo impulso instabile: gli effetti
Piogge, venti forti e neve: si profila una fase meteo molto movimentata con clima da tardo inverno sull'Italia. La tendenza meteo dal 20 aprile
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Aprile ore 17:08

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154