FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Terremoto, nuove scosse a Parma e provincia: la situazione e le raccomandazioni della Protezione Civile

Torna a tremare la terra a Parma e provincia: l'epicentro del terremoto è a Langhirano con scosse. Lo sciame avvertito da Langhirano a Fornovo
15 Febbraio 2024 - ore 14:26 Redatto da Redazione Meteo.it
15 Febbraio 2024 - ore 14:26 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Scosse di terremoto a Parma e provincia. Continua la paura nel Parmense dove la terra è iniziata a tremare dalle prime ore del mattino. L'epicentro del terremoto è a Langhirano con una serie di scosse, tra cui la più forte di magnitudo 3.5 si è registrata intorno alle 11.38. La situazione e consigli della Protezione Civile.

Terremoto a Parma, i dati dell'Ingv

Tanta paura a Parma e provincia sin dalle prime ore del mattino di oggi, giovedì 15 febbraio 2024, per una serie di scosse di terremoto. Alle ore 7.07 la prima scossa è stata avvertita a Fornovo di Taro con magnitudo 2.2; poco dopo, alle 7.50, la terra ha tremato a Langhirano con una magnitudo di 2.4 seguita da una seconda scossa di magnitudo 2.2 intorno alle 10.22. Anche a Fornovo, comune italiano della provincia di Parma in Emilia-Romagna, attimi di paura quando intorno alle 10.25 si è avvertita una scossa di terremoto di magnitudo 2.0.

Le scosse si sono ripetute nel corso della mattinaa: tre scosse, di cui la più forte alle 11.38 con magnitudo 3.5 sempre a Langhirano, epicentro del terremoto. Lo sciame sismico è stato avvertito anche a Lesignano de' Bagni e Felino. Non si tratta delle uniche, visto che intorno a mezzogiorno tra Langhirano e Fornovo sono state registrate altre due scosse rispettivamente di 2.1, 2.8 e 3.3 magnitudo. Ingv, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha registrato nella giornata di San Valentino quattro scosse di terremoto, tra cui la più forte nel pomeriggio a Langhirano con una magnitudo di 3.3.

La situazione a Parma e provincia dopo il terremoto: i consigli della Protezione Civile

Lo sciame sismico che ha colpito la città di Parma e provincia non si placa. Sono ore di grande paura per tutti i cittadini emiliani reduci dalla forte scossa del 9 febbraio 2024 registrata dai sismografi dell’Istituto di vulcanologia (Ingv) di intensità magnitudo 4.2. Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, fa sapere che: "la situazione è costantemente monitorata”. Intanto Paride Antolini, presidente dell’ordine dei Geologi dell’Emilia Romagna, ha precisato: "lo sciame sismico di Parma di questi giorni si colloca intorno ad una faglia inversa".

Intanto la Protezione Civile Regionale dell'Emilia Romagna ha fatto sapere di aver attivato un "modulo di assistenza alla popolazione" in caso di necessità con 250 posti letti. "La capacità del modulo" – hanno detto dalla Regione – può essere raddoppiata con ulteriori 200 letti e relative tende, pronti in 4 container presso il Comitato provinciale del volontariato di protezione civile. Disponibile anche la cucina mobile di emergenza che può sfornare fino a 500 pasti all’ora. Pronti, sul fronte sanitario, 6 presidi medici avanzati e la struttura protetta Anpas, composta da 5 container attrezzati".

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, aria artica e nucleo instabile in arrivo ad inizio settimana: la tendenza fino al Ponte del 25 aprile
Meteo, aria artica e nucleo instabile in arrivo ad inizio settimana: la tendenza fino al Ponte del 25 aprile
Settimana prossima continuerà ad essere fredda, e il passaggio di alcuni impulsi perturbati porterà nuove fasi instabili: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Sabato 20 Aprile ore 21:02

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154