FacebookInstagramXWhatsApp

Stop al gas russo a maggio? Condizionatori, riscaldamenti e non solo: cosa cambia

Se la Russia insisterà a chiedere il pagamento del gas in rubli, a maggio l’Italia potrebbe trovarsi senza gli approvvigionamenti da cui dipende. E così i cittadini potrebbero trovarsi a corto non solo di riscaldamento e condizionamento, ma anche di energia elettrica
Sostenibilità21 Aprile 2022 - ore 10:50 Redatto da Redazione Meteo.it
Sostenibilità21 Aprile 2022 - ore 10:50 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Non ci saranno solo i limiti di temperatura per condizionatori e riscaldamento negli uffici pubblici, se le forniture di gas dalla Russia si interromperanno a maggio: a dirlo è Stefano Besseghini, presidente dell’Autorità per l’energia in Italia. In una intervista al Corriere della Sera Besseghini il capo di Arera ha detto che, se Mosca insisterà per avere il pagamento del gas in rubli, lo stop alle forniture “credo che in effetti potrebbe accadere in maggio”.

Cosa cambia per i cittadini

Se questo dovesse avvenire,”il rischio di non riempire completamente gli stoccaggi potrebbe esserci”. E se non si riuscisse a riempire gli stoccaggi con fornitori alternativi ci troveremmo “quasi certamente in uno scenario di emergenza, quindi scatterebbe un protocollo che prevede dei distacchi di carico e delle prevalenze fra le utenze”. Ma quale sarebbe l’impatto per i cittadini? “Dipende naturalmente dalla profondità del fenomeno“, spiega Besseghini. Il rischio insomma è che i limiti alla temperatura del riscaldamento e dei condizionatori sia applicato anche alle case private (e non solo agli uffici pubblici come è appena successo), oltre a un contingentamento della fornitura di energia elettrica.

I servizi essenziali da preservare

Ci sono una serie di servizi che devono essere preservati in maniera prioritaria, spiega il Corriere: i servizi pubblici, i servizi sanitari e la produzione industriale. “Invece altri consumi elettrici 'non indispensabili' verrebbero in qualche maniera gestiti”, spiega ancora Besseghini. Se lo stop al gas russo avvenisse davvero a maggio, l’Italia avrebbe “almeno dieci settimane” di autonomia. E in assenza di nuove forniture immediate, il rischio è di andare incontro a un inverno all’insegna dei razionamenti.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Le 10 aziende più sostenibili del mondo: la classifica di Time e Statista
    Energia5 Luglio 2024

    Le 10 aziende più sostenibili del mondo: la classifica di Time e Statista

    La sostenibilità è sempre più importante a livello mondiale: ecco la classifica delle 10 aziende più sostenibili stilata da Time e Statista
  • Caro bollette: consigli utili su come utilizzare il frigorifero e la temperatura da impostare
    Energia4 Luglio 2024

    Caro bollette: consigli utili su come utilizzare il frigorifero e la temperatura da impostare

    A quale temperatura dovrebbe essere impostato il frigo per mantenere correttamente i cibi e risparmiare in bolletta? Ecco alcuni consigli utili.
Ultime newsVedi tutte


Meteo: nel weekend caldo in aumento! La tendenza fino a fine luglio
Tendenza24 Luglio 2024
Meteo: nel weekend caldo in aumento! La tendenza fino a fine luglio
Nel weekend si conferma una rimonta dell'alta pressione con tempo stabile e caldo in aumento, soprattutto da domenica 28 luglio: la tendenza.
Meteo, ultimo weekend di luglio sotto l'anticiclone: caldo intenso da domenica 28
Tendenza23 Luglio 2024
Meteo, ultimo weekend di luglio sotto l'anticiclone: caldo intenso da domenica 28
L'alta pressione torna sull'Italia: sole e caldo insisteranno almeno fino alla fine del mese di luglio. La tendenza meteo
Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Tendenza22 Luglio 2024
Meteo, alta pressione in rinforzo da giovedì 25: si apre una nuova lunga fase di caldo intenso
Le temperature torneranno ad aumentare gradualmente: da domenica 28, in particolare, il caldo diventerà di nuovo intenso e insistente
Mediaset

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Luglio ore 08:57

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154