FacebookInstagramXWhatsApp

Multa fino a 5.000 euro per accensione di alcune stufe e camini: le regioni che la applicano

Alcune regioni del Nord d'Italia, per il contenimento delle emissioni di C02, hanno ristretto l'accessione di stufe o camini. Ecco tutte le regole in merito
Sostenibilità17 Settembre 2022 - ore 17:36 Redatto da Redazione Meteo.it
Sostenibilità17 Settembre 2022 - ore 17:36 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Si prospettano multe che possono arrivare fino a 5.000 euro per l'accensione di alcune stufe o camini in diverse regioni d'Italia. Quali? Ecco tutte le informazioni utili che occorre conoscere per riscaldare gli ambienti dove si soggiorna senza incappare in salate sanzioni.

Multa fino a 5.000 euro: di cosa si tratta?

La multa per chi accende stufa o camino può arrivare fino a 5.000 euro ed è in vigore in diverse regioni del nord Italia. Quella più rigida è senza ogni ombra di dubbio la Lombardia. E' qui che si possono raggiungere addirittura i 5.000 di ammenda. Le altre regioni dove si rischia - per via dell'inquinamento di emissioni da CO2 sono:

  • Veneto
  • Toscana
  • Emilia Romagna
  • Piemonte

Come si rischia di prendere la multa? Utilizzando generatori di calore con classe di prestazione emissiva inferiore a 4 stelle sia che essi siano camini, stufe o termostufe a legna oltre che stufe ad accumulo alimentare a biomassa legnosa. In previsione del lungo inverno 2022-2023 è bene pertanto sapere che non si potranno utilizzare queste alternative ai termosifoni a gas per riscaldare gli ambienti in cui si vive ovvero la propria casa o l'ufficio dove si lavora. Bisogna stare attenti insomma al tipo di impianto.

Multe per camini o stufe, tutta colpa dell'inquinamento: i dettagli

Dopo aver compreso quali sono le regioni e quale sia la motivazione, visti i problemi che vi saranno il prossimo inverno, occorrono valide alternative per riscaldare le case, concentriamoci un attimo sulle varie restrizioni.

In Lombardia è fatto divieto dal 1° gennaio 2020 di: installare generatori di calore alimentati da biomassa legnosa come stufe e camini con emissioni superiori a quelle consentite ed è obbligatorio che i generatori di calore abbiano almeno 4 stelle oltre che utilizzare generatori di calore domestici con 0 o 1 o 2 stelle. A ciò si aggiunge il fatto che dal 1 ottobre 2018, per le stufe a pellet con potenza inferiore ai 35 kW, è obbligatorio utilizzare pellet di classe A1.

Per chi trasgredisce la multa parte da un minimo di 500 euro fino ad arrivare a 5.000 euro.

In Veneto, invece, con la delibera n. 836/17 si vieta di installare generatori di calore con classe di prestazione emissiva inferiore a 3 stelle e di continuare ad usare generatori di classe inferiore alle 2 stelle, ma anche di installare generatori inferiori a 4 stelle e di continuare a utilizzare generatori di classe inferiore alle 3 stelle.

Anche in Emilia Romagna l’utilizzo di camini e stufe a legna è limitato. Per il controllo della qualità dell'aria si vieta l’utilizzo di caminetti, stufe a legna o pellet per il riscaldamento domestico di classe 1 e 2 stelle negli immobili civili in cui è presente un sistema alternativo di riscaldamento domestico che si trovino in tutto il territorio regionale sotto i 300 metri. La regione offre però incentivi per chi vuole aggiornare i propri impianti di riscaldamento e adottare impianti capaci di rispettare l'ambiente e le regole.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Articoli correlatiVedi tutti


  • Le 10 aziende più sostenibili del mondo: la classifica di Time e Statista
    Energia5 Luglio 2024

    Le 10 aziende più sostenibili del mondo: la classifica di Time e Statista

    La sostenibilità è sempre più importante a livello mondiale: ecco la classifica delle 10 aziende più sostenibili stilata da Time e Statista
  • Caro bollette: consigli utili su come utilizzare il frigorifero e la temperatura da impostare
    Energia4 Luglio 2024

    Caro bollette: consigli utili su come utilizzare il frigorifero e la temperatura da impostare

    A quale temperatura dovrebbe essere impostato il frigo per mantenere correttamente i cibi e risparmiare in bolletta? Ecco alcuni consigli utili.
Ultime newsVedi tutte


Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
Tendenza21 Luglio 2024
Meteo: metà settimana con caldo nella norma. Poi nuova ondata? La tendenza
A metà settimana il caldo rientrerà nei ranghi con valori estivi ma senza eccessi. Nell'ultima parte di settimana possibile una nuova fase calda.
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
Tendenza20 Luglio 2024
Meteo: martedì 23 e mercoledì 24 luglio temporali, venti e stop caldo africano! Ecco dove
La prossima settimana segnerà finalmente la fine della lunga ondata di calore che sta interessando l'Italia: rischio di temporali e forti venti.
Meteo, stop alla canicola: dal 22 luglio caldo estivo senza eccessi
Tendenza19 Luglio 2024
Meteo, stop alla canicola: dal 22 luglio caldo estivo senza eccessi
La prossima settimana le temperature torneranno su livelli più normali per la stagione senza afa opprimente. Possibili fasi instabili. La tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Luglio ore 22:23

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154