FacebookInstagramTwitterMessanger

Bollette, ad aprile: gas al +2%, elettricità al +20%

Nomisma Energia ha reso nota una stima con le previsioni aumenti gas e luce dal 1° aprile. La guerra in Ucraina e la crisi delle materie prime incideranno sulle bollette. Soprattutto a partire dal primo luglio.
{icon.url}7 Marzo 2022 - ore 12:36 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
7 Marzo 2022 - ore 12:36 Redatto da Redazione Meteo.it

Quanto incideranno la guerra in Ucraina e la crisi delle materie prime sui costi per privati cittadini e imprese? La stima sui potenziali aggiornamenti Arera di aprile è stata fatta dagli analisti di Nomisma Energia. Nella migliore delle ipotesi gli aumenti saranno comunque rilevanti, con una previsione del 2% in più sui costi gas e del 20% su quelli dell'energia.

Aggiornamento trimestrale autorità dell'energia Arera: ad aprile nuovi aumenti in bolletta

Ogni trimestre l'autorità dell'energia Arera provvede a effettuare l'aggiornamento delle tariffe energia elettrica e gas, sulla base dei costi, per chi non ha aderito al mercato libero e che quindi resta legato alle bollette classiche del settore a maggior tutela. Questa fetta di mercato vede sia famiglie che microimprese, tra cui negozi, laboratori artigiani e uffici.

I dati su cui verranno fatti gli aggiornamenti per il secondo trimestre 2022 sono quelli che riguardano l'andamento del mercato spot del gas nel mese di febbraio, già disponibili, e le quotazioni elettriche dei mercati a termine, non ancora resi noti. Saranno quelli i numeri sui quali gli esperti dell'Arera adegueranno le bollette per il trimestre 1° aprile/30 giugno 2022.

Prezzi spot del metano per l'aggiornamento

Per l'adeguamento del costo del gas 2° trimestre 2022 Arera prenderà in esame i costi rilevati a febbraio, quando il prezzo del metano (pur essendo già molto elevato) non era ancora arrivato a toccare le quotazioni attuali. Questa ultima ondata di aumenti (il prezzo del gas è più che raddoppiato) andrà invece a incidere pesantemente sull'adeguamento dei prezzi gas Arera per il 3° trimestre 2022, manifestandosi appieno nell'aggiornamento che l'autorità dell'energia farà il 1° luglio.

Come spiegano gli esperti di Nomisma Energia, nonostante la grande incertezza legata alla guerra in Ucraina, è possibile fare alcune previsioni sugli effetti che avrà il conflitto in corso nelle nostre tasche. L'adeguamento, che produrrà effetti sulle bollette gas a partire dal 1° aprile, verrà deciso alla fine di marzo. I prezzi di riferimento sono quelli del mercato spot di febbraio, chiuso subito dopo l'inizio del conflitto, con valori relativamente bassi (80 €/MWh). Il valore risulta in linea con quello dell'ultimo adeguamento, per cui è presumibile ritenere che le tariffe del gas dal 1° aprile possano rimanere ferme a 1,37 euro/mc, dopo l'aumento vertiginoso del 42% fatto registrare lo scorso gennaio.

Se però, sempre secondo Nomisma Energia, gli aumenti degli ultimi giorni dovessero perdurare (ricordiamo che i primi giorni di marzo il prezzo del gas è arrivato a sfiorare i 140 euro/MWh), il rincaro consistente sarebbe solo rimandato di qualche mese e i suoi effetti si farebbero sentire a partire dal 1° luglio.

Prezzi europei amministrati? Un'ipotesi, secondo Nomisma Energia

Il metano aggiuntivo scarseggia sui mercati, e i prezzi delle borse energetiche europee si attestano interno ai 200 euro /MWh. Anche il prezzo del carbone è aumentato e oggi è quotato 340 euro /tonnellata, ovvero più del doppio rispetto a un mese fa.

Secondo Davide Tabarelli, fondatore e presidente di Nomisma Energia, sarebbe opportuno iniziare a pensare a prezzi europei amministrati, anche se "ricreare una specie di Comitato interministeriale prezzi di dimensioni europee per fissare tariffe calmierate potrebbe essere un rischio per le aziende energetiche, che a differenza dello shock petrolifero del ’73 oggi sono società di diritto privato, quotate e attive sui mercati".

Non a caso l'Aiget, associazione grossisti e trader di energia, ha proposto il ricorso a strumenti di difesa per le aziende energetiche, tra i quali c'è il ricorso alla Sace, società di servizi assicurativi e finanziari a partecipazione pubblica, per aiuti nelle fideiussioni e nelle garanzie, onde evitare il rischio di collasso finanziario che andrebbe a gravare sulla filiera energetica.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 18:44
Notizie
TendenzaMeteo: tra sabato 28 e domenica 29 maggio pioggia e aria più fresca
Meteo: tra sabato 28 e domenica 29 maggio pioggia e aria più fresca
Il vortice di bassa pressione attualmente a ovest della Sardegna, sabato 28 maggio transita al Centro-Sud. Domenica 29 stop caldo intenso: la tendenza meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Giovedì 26 Maggio ore 04:45

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154