FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Febbraio si chiude con una svolta: piogge intense, aria fredda e tanta neve! Le tempistiche e le zone più coinvolte

Confermata la svolta meteo: arriva tanta piogge con neve abbondante in montagna, temperature in calo e aria finalmente più pulita
20 Febbraio 2024 - ore 11:14 Redatto da Redazione Meteo.it
20 Febbraio 2024 - ore 11:14 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Negli ultimi giorni di febbraio si conferma un cambio radicale della circolazione atmosferica a livello europeo e mediterraneo, in favore di una fase meteo più dinamica e anche un po’ più fredda, caratterizzata dal ritorno delle tanto attese piogge e nevicate su molte delle regioni italiane.

Un’inversione di rotta pilotata dalla perturbazione n.5 di febbraio, la cui parte attiva investirà l’Italia tra la fine di giovedì e la giornata di venerdì. Stando agli ultimi aggiornamenti, i settori maggiormente coinvolti dalle precipitazioni dovrebbero essere quelli a nord del fiume Po, la Liguria di levante e le regioni tirreniche fino alla Campania, con quantitativi di pioggia anche superiori ai 50 mm nell’arco di 24-36 ore.

Nevicherà copiosamente in tutto il settore alpino e prealpino fin verso i 1.000-1.400 metri, in modo anche abbondante su quello centro-orientale (con accumuli anche oltre il mezzo metro in quota entro la fine della giornata), con quota neve in ulteriore abbassamento poco sotto i 1000 metri alla fine di venerdì.

Sull’Appennino centrale un pochino di neve potrebbe arrivare nella notte tra venerdì e sabato fin verso i 1500 metri, prima di un successivo esaurimento dei fenomeni.

La tendenza meteo dal weekend del 24 e 25 febbraio

Sabato la perturbazione si muoverà verso i Balcani, interessando velocemente anche il resto del Sud, con piogge soprattutto tra Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Alle sue spalle molta variabilità, in attesa dell’arrivo simultaneo di altri 2 fronti perturbati: uno in risalita dal Nord Africa e diretto verso il Meridione tra sabato sera e domenica (n.6 di febbraio); l’altro di origine atlantica (n.7) verso il Nord, l’alto Tirreno e la Sardegna, entrambi con un altro carico di preziose precipitazioni. Ma si tratta di una tendenza ancora molto incerta nelle tempistiche e nella modalità: bisognerà pertanto attendere i prossimi aggiornamenti.

Dal punto di vista climatico si profilano temperature ancora superiori alla norma almeno fino a venerdì, ma con la tendenza ad un raffreddamento nel settore alpino, raggiunto da una massa d’aria più fredda di origine polare marittima. A seguire, nel corso del weekend, il calo termico si estenderà al Centro-Nord e alla Sardegna, lasciando probabilmente ai margini il Sud e la Sicilia. Il raffreddamento sarà più evidente al Nord dove sabato la neve potrebbe spingersi fino a quote collinari.

Entro la fine di domenica, in alcuni settori del comparto alpino e prealpino sopra i 1.500 metri gli accumuli totali di neve potrebbero raggiungere il metro di altezza.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, da sabato 20 aprile nuovo impulso instabile: gli effetti
Meteo, da sabato 20 aprile nuovo impulso instabile: gli effetti
Piogge, venti forti e neve: si profila una fase meteo molto movimentata con clima da tardo inverno sull'Italia. La tendenza meteo dal 20 aprile
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Aprile ore 17:06

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154