FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Pasqua e Pasquetta a rischio pioggia? La tendenza meteo nei dettagli

Gli ultimi aggiornamenti meteo confermano che tra il Venerdì Santo e la domenica di Pasqua una perturbazione attraverserà l'Italia, portando la pioggia in diverse regioni.
5 Aprile 2023 - ore 11:23 Redatto da Redazione Meteo.it
5 Aprile 2023 - ore 11:23 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

C'è la conferma: la settimana di Pasqua 2023 si chiuderà con l'arrivo di una perturbazione che influenzerà le condizioni meteo in molte regioni italiane. Il sistema perturbato investirà il Nord nella giornata del Venerdì Santo, il 7 aprile, per poi attraversare il Centro-Sud sabato portando piogge e temporali in buona parte del settore. Per le giornate di Pasqua e Pasquetta si profila una situazione meteo più tranquilla in gran parte dell'Italia, ma l'instabilità potrà risultare più insistente in alcune zone, in particolare al Sud.

La tendenza meteo per le festività di Pasqua e Pasquetta 2023

Il week-end pasquale si apre sabato 8 aprile con lo scivolamento lungo la penisola della perturbazione giunta venerdì al Nord-Ovest e nel settore ligure.
Le condizioni meteo torneranno rapidamente a essere stabili al Nord, con numerose schiarite fin dal mattino, anche se le nuvole potranno risultare più insistenti nella seconda parte della giornata su Appennino settentrionale ed estremo Nord-Est, dove potrebbe arrivare ancora qualche pioggia isolata.

Il Centro-Sud andrà incontro, invece, a un aumento dell’instabilità. Nubi irregolari prevarranno su gran parte del settore accompagnate da piogge sparse, anche sottoforma di rovesci o temporali in Abruzzo, Lazio, Molise e Campania, con neve fino intorno ai 1.200-1.300 metri. Piogge più isolate potranno coinvolgere anche la Puglia e la Sardegna centro-settentrionale, mentre al mattino le schiarite resisteranno tra Calabria e Sicilia. Rasserenamenti anche in Toscana, e nel pomeriggio l’instabilità andrà attenuandosi anche in Abruzzo e Lazio. Piogge e temporali coinvolgeranno invece l’area tra Campania, Molise e nord della Puglia, con locali piogge in estensione anche alla Lucania, alla Calabria settentrionale, alla Sicilia e al resto della Puglia. A fine giornata condizioni meteo instabili insisteranno sull’estremo Sud peninsulare e sul nord della Sicilia.
Temperature minime in aumento; massime in rialzo in gran parte del Nord, in calo su Emilia, Centro Italia, Campania e Sardegna, con valori in generale compresi tra i 13 e i 16 gradi, localmente superiori nelle Isole maggiori. Venti fino a moderati sui mari di Ponente, in Sardegna e sul medio e basso Adriatico, in intensificazione in serata anche su Sicilia e Ionio.

Nelle prime ore della domenica di Pasqua osserveremo gli ultimi strascichi della perturbazione all’estremo Sud, con precipitazioni sparse su Puglia, Lucania, Calabria e nord della Sicilia. Fenomeni in attenuazione già in mattinata, con gli ultimi episodi isolati nel pomeriggio su Salento, Calabria e Messinese. Nel resto d’Italia non mancheranno le schiarite, specie su pianure e coste. Faranno eccezione le zone appenniniche e le Prealpi centro-orientali, dove potrà svilupparsi qualche rovescio (nevoso oltre i 1.300-1.600 metri), in sconfinamento verso l’interno del basso Lazio e sulle pianure delle Venezie.
A Pasqua le temperature saranno in aumento nei valori minimi al Sud e in Sicilia; nelle massime al Centro-Nord, specie nelle regioni centrali e in Sardegna. Valori invece in calo al Sud e sulla Sicilia settentrionale, dove risulteranno anche inferiori alle medie del periodo. Venti fino a moderati di Maestrale soffieranno su basso Tirreno e nelle Isole maggiori, anche tesi nel Canale di Sicilia.

La tendenza meteo per il lunedì di Pasquetta presenta ancora ampi margini di incertezza. Secondo lo scenario che al momento si profila come più probabile, condizioni di locale instabilità potrebbero insistere nel settore intorno al medio e basso Tirreno, quindi su Lazio centro-meridionale, Campania, Calabria e Isole maggiori. Qualche fenomeno isolato potrebbe coinvolgere anche l’Abruzzo, mentre le zone favorite dalle schiarite più ampie saranno la Puglia, la Toscana, l’Umbria e gran parte del Nord. Le temperature massime dovrebbero riguadagnare qualche grado al Sud, riportandosi su valori più vicini alla norma. Sarà una giornata ventilata per Adriatico e Centro-Sud, con venti settentrionali moderati in particolare su medio e basso Adriatico.
Seguiteci nei prossimi aggiornamenti per conoscere maggiori dettagli su questa evoluzione.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, stop al gran caldo e tempo instabile nei prossimi giorni: dove arrivano i temporali? La tendenza dal 23 giugno
Meteo, stop al gran caldo e tempo instabile nei prossimi giorni: dove arrivano i temporali? La tendenza dal 23 giugno
Si conferma la fine dell'ondata di caldo africano, accompagnata da uno scenario meteo più movimentato. La tendenza nei dettagli
Mediaset

Ultimo aggiornamento Giovedì 20 Giugno ore 19:49

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154