FacebookInstagramTwitterMessanger

Meteo, allerta arancione lunedì 29 novembre 2021 in Campania e Calabria: scuole chiuse?

Allerta arancione in alcune zone di Calabria e Campania. Scuole chiuse in vari Comuni in provincia di Napoli e Salerno. Allerta gialla in 9 regioni. Le previsioni per lunedì 29 novembre 2021.
{icon.url}28 Novembre 2021 - ore 18:38 Redatto da Redazione Meteo.it
{icon.url}
28 Novembre 2021 - ore 18:38 Redatto da Redazione Meteo.it
Foto di Marco Massimo da Pixabay

Nuove brutte notizie dalle previsioni meteo. Viste le avverse condizioni il Dipartimento della Protezione Civile ha emanato allerta meteo arancione per lunedì 29 novembre 2021 per la Campania tirrenica e per buona parte della Calabria occidentale. Allerta gialla invece in 9 regioni ovvero: in Sicilia, sulla Sardegna centro-occidentale, in Basilicata, sui restanti settori di Campania e Calabria, oltre che in: Lazio, Molise, Abruzzo e Umbria.

Già dalla tarda serata di oggi, domenica 28 novembre, sono previsti venti di burrasca, con rinforzi fino a burrasca forte, dai quadranti occidentali sulla Sardegna, in rapida estensione anche a Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia centro-meridionale.

Si prevedono, inoltre, precipitazioni nevose mediamente al di sopra dei 700-900 metri su Sardegna, Umbria, Lazio orientale e meridionale, Abruzzo e Molise. Nella prima parte della giornata di domani la neve scenderà a quote sempre più basse fino a 600 metri circa.

Allerta arancione in Campania: le zone interessate e i comuni che hanno deciso di chiudere le scuole

La Protezione Civile della Regione Campania ha ulteriormente prorogato di altre 24 ore l'avviso di allerta meteo arancione. Fino alle 18:00 di lunedì 29 novembre si prevedono temporali, con forti raffiche di vento.

La Campania sarà sostanzialmente divisa fra allerta arancione e allerta gialla.

Quella arancione interessa le zone: 1,3,5,6,8 ovvero: Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana oltre alle zona costiera Sorrentino-Amalfitana, monti di Sarno e monti Picentini.

Allerta arancione anche per: Tusciano e Alto Sele, Piana Sele e Alto Cilento e per finire Basso Cilento. Si prevedono temporali anche forti che potrebbero dare luogo ad un dissesto idrogeologico diffuso anche con instabilità di versante, anche profonda, frane e colate rapide di fango.

Quella gialla riguarda il resto della Campania dove si prevedono precipitazioni sparse, rovesci e temporali, anche intensi e raffiche di vento. A ciò si aggiunge anche il rischio di dissesti idrogeologici, con frane e smottamenti. A causa probabilmente del maltempo, infatti, nel centro storico di Napoli una strada nei pressi di piazza Carlo III ha ceduto e sono state evacuate ben quaranta famiglie che abitavano nel palazzo antistante per ragioni di sicurezza.

A causa dell'allerta alcuni sindaci hanno optato per la chiusura delle scuole in diversi Comuni della Campania per lunedì 29 novembre 2021. I comuni interessati dalla chiusura delle varie strutture, causa maltempo, sono, per ora, salvo ulteriori aggiornamenti:

  • Ercolano
  • Volla
  • Ischia
  • Barano d’Ischia
  • Casamicciola Terme
  • Forio
  • Angri
  • Cava de' Tirreni
  • Nocera Inferiore
  • Pagani
  • Siano
  • Arzano
  • Cardito
  • Monte di Procida
  • Portici
  • Casoria
  • San Giorgio a Cremano
  • Quarto
  • Torre del Greco
  • Bacoli
  • Forio d'Ischia

A Napoli chiusi i parchi e i giardini pubblici, ma scuole aperte.

Allerta arancione e gialla: dalla Calabria all'Abruzzo

Allerta arancione anche su buona parte della Calabria occidentale per precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, in particolare sui settori tirrenici.

I temporali  saranno accompagnate da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e locali forti raffiche di vento.

Su tutto il resto della Calabria, come in Campania, permane l'allerta gialla.

Le altre regioni interessate da forti temporali, mare in burrasca e raffiche di vento? Sicilia, Sardegna, Basilicata, Lazio, Molise, Abruzzo e Umbria.

TG Meteo Nazionale - edizione delle 07:39
Notizie
TendenzaMeteo, da martedì 25 Italia divisa tra alta pressione e impulsi instabili. Al Nord prosegue la siccità
Meteo, da martedì 25 Italia divisa tra alta pressione e impulsi instabili. Al Nord prosegue la siccità
Le regioni del Nord resteranno a secco fino a fine gennaio. Un peggioramento più deciso potrebbe interessare il Centro-Sud da venerdì 28: previsioni meteo
Mediaset

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Gennaio ore 13:33

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154