FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Insalate in busta addio? Ecco perché presto potrebbero scomparire dagli scaffali dei supermercati

L'Europa vuole vietare l'insalata e la verdura vendute nelle buste di plastica non riutilizzabili, ma non tutti sono d'accordo con questa proposta
10 Maggio 2023 - ore 11:22 Redatto da Redazione Meteo.it
10 Maggio 2023 - ore 11:22 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

L'Unione Europea ha presentato una proposta di regolamento che prevede l'eliminazione delle confezioni monouso per frutta e verdura di peso inferiore a 1,5 chilogrammi, come le insalate in busta, i cestini di fragole, le confezioni di pomodorini e arance in rete. Secondo la Commissione Europea, questi imballaggi sono considerati inutili e superflui, e andrebbero eliminati per ridurre gli sprechi e l'impatto ambientale.

Stop all'insalata in busta al supermercato, la proposta Ue

Tempi duri per la plastica monouso, che sta subendo delle limitazioni dall'Unione Europea. Stavolta è stata presa di mira quella delle buste per frutta e verdura di peso inferiore al chilo e mezzo presenti nei supermercati. Si tratta delle confezioni monouso di insalata, fragole, pomodorini, arance e tutto ciò che viene conservato in buste di plastica non riutilizzabili, che l'Europa vorrebbe vietare a breve. C'è però chi ritiene la proposta drastica e problematica, suscitando preoccupazioni nella filiera produttiva e tra i consumatori. Coldiretti, l'associazione italiana di categoria dell'agricoltura, ha espresso la sua opposizione alla proposta, sottolineando i potenziali problemi igienico-sanitari, di conservazione e di spreco che potrebbero derivare dall'eliminazione di queste confezioni. Inoltre, l'associazione ha sottolineato gli effetti negativi che questa decisione potrebbe avere sui consumi, dal momento che i prodotti preconfezionati di quarta gamma sono diventati parte integrante delle abitudini alimentari degli italiani.

Secondo i dati della Coldiretti, solo il 16,8% degli italiani consuma prodotti ortofrutticoli almeno quattro volte al giorno, come raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità. Questo rappresenta una forte diminuzione rispetto al periodo 2015-2018, con un impatto negativo sulla salute dei cittadini. Inoltre, la Coldiretti ha sottolineato che l'eliminazione di queste confezioni potrebbe comportare un aumento dei costi sia per i produttori che per i consumatori. Alcune aziende hanno già avviato iniziative per ridurre gli sprechi e migliorare la sostenibilità degli imballaggi. Ad esempio, la società italiana OrtoRomi ha sviluppato un sistema di confezionamento eco-sostenibile per le insalate, che utilizza materiali biodegradabili e compostabili. Tuttavia, secondo gli esperti, la soluzione migliore sarebbe quella di incentivare i consumatori a utilizzare contenitori riutilizzabili per acquistare la frutta e la verdura sfusa.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo: stop al freddo nel weekend, ma arriva ancora qualche pioggia. La tendenza da sabato 27 aprile
Meteo: stop al freddo nel weekend, ma arriva ancora qualche pioggia. La tendenza da sabato 27 aprile
Gli aggiornamenti meteo confermano che già dal 25 aprile si attenua l'afflusso di aria fredda, con temperature anche oltre la norma nel weekend
Mediaset

Ultimo aggiornamento Mercoledì 24 Aprile ore 18:05

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154