FacebookInstagramTwitterWhatsApp

Come allontanare i topi dal cibo senza usare trappole con un metodo cruelty-free

La lotta ai topi basata su un metodo naturale e cruelty-free è al centro di uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Sydney
10 Giugno 2023 - ore 18:45 Redatto da Redazione Meteo.it
10 Giugno 2023 - ore 18:45 Redatto da Redazione Meteo.it
Unisciti al nuovo canale WhatsApp!

Ogni anno i topi "divorano" mediamente 70 milioni di tonnellate di grano in tutto il mondo. Attratti dall'odore del frumento invadono granai e magazzini o attaccano direttamente il raccolto. Come difendersi? La risposta arriva da una nuova ricerca, che ha dimostrato l'efficacia di un metodo cruelty-free per tenerli lontani dal cibo.

Combattere la presenza di topi nelle coltivazioni, lo studio

Per tenere lontani i piccoli roditori dal loro cibo preferito - il grano - fino a ieri potevamo fare affidamento sui gatti e su apposite trappole. Un tempo queste ultime erano di tipo meccanico, mentre negli anni più recenti sfruttano l'efficacia di sostanze chimiche che non solo uccidono i topi, ma creano anche un gran danno all'ecosistema.

Una delle caratteristiche di questi roditori è data dall'olfatto, particolarmente sviluppato, che permette loro di riuscire a intercettare l'odore dei semi di grano già nel momento in cui questi vengono collocati nel terreno. Nelle due settimane che intercorrono tra la semina e la germinazione del grano i topi possono annusare l'odore anche da grandi distanze, e raggiungere così i raccolti facendo danni immensi.

Un metodo efficace e cruelty-free

Un gruppo di studiosi dell'Università di Sydney ha così pensato di sfruttare questa loro "arma" per ingannarli usando le loro stesse armi. La ricerca - pubblicata su Nature Sustainability - è basata sull'impiego di un olio che ha lo stesso odore dei semi in germinazione, ma 50 volte più concentrato. La sostanza è stata spruzzata in un lotto di terreno di 27 ettari, sia subito dopo la semina che qualche giorno prima della germinazione.

Con questo metodo sono riusciti a generare nei roditori una confusione olfattiva che ha finito per scoraggiarli. I roditori sono stati dapprima ingannati dall'odore dell'olio cosparso su un'area molto ampia - che non ha permesso loro di individuare la posizione precisa dei semi - e successivamente a scavare prima che i semi venissero piantati. In questo modo i roditori sono stati scoraggiati e - capito l'inganno - hanno smesso di cercare i semi.

Questo metodo si è rivelato particolarmente efficace ed ha permesso di ridurre i danni causati dai topi del 63% nel primo caso e del 74% nel secondo. In entrambi i casi non c’è stato bisogno di uccidere i roditori, né tantomeno di inquinare l’ambiente con i veleni per topi che colpiscono anche altri animali e possono finire nelle acque dei fiumi, causando gravi danni all'ecosistema.

Unisciti al nuovo canale WhatsApp!
Notizie
TendenzaMeteo, caldo africano e picchi di 40 gradi: quanto durerà? La tendenza dal 19 giugno
Meteo, caldo africano e picchi di 40 gradi: quanto durerà? La tendenza dal 19 giugno
Confermata la rimonta dell'anticiclone africano, che nei prossimi giorni porterà un'ondata di caldo con picchi fino intorno ai 40 gradi
Mediaset

Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Giugno ore 02:29

Copyright © 1999-2020 RTI S.p.A. Direzione Business Digital - P.Iva 03976881007 - Tutti i diritti riservati - Per la pubblicità Mediamond S.p.a. RTI spa, Gruppo Mediaset - Sede legale: 00187 Roma Largo del Nazareno 8 - Cap. Soc. € 500.000.007,00 int. vers. - Registro delle Imprese di Roma, C.F.06921720154