Graupel

Esiste un tipo di precipitazione ghiacciata chiamata tecnicamente “graupel” o anche, in italiano, “neve tonda”. Si tratta di una nevicata caratterizzata da piccole palline ghiacciate somiglianti grossomodo le palline di polistirolo. Questo tipo di precipitazione può derivare indistintamente da nubi stratiformi o nubi cumuliformi anche temporalesche, partendo proprio sottoforma di fiocchi di neve all’interno della nube in un ambiente con temperature sottozero. Man mano che cadono verso il suolo attraversano strati a temperatura sempre più elevata, fino a incontrare valori intorno al punto di fusione: a quel punto cominciano fondere nella parte più esterna del fiocco. Questo processo determina un cambio nella forma del fiocco che tende quindi ad accartocciarsi su se stesso divenendo quasi sferico, ma con all’interno il nucleo originario fatto di cristalli di neve che lo rendono comunque bianco-opaco e relativamente fragile, a differenza dei chicchi di grandine che, oltre ad essere più grossi a causa della diversa modalità di formazione, sono generalmente più trasparenti e duri.
Il graupel è un fenomeno tipico invernale e, in parte, anche delle stagioni di mezzo e può verificarsi ovunque, dalle pianure alle coste, ma anche in montagna dove può costituire un fattore di instabilità del manto nevoso essendo la sua presenza assimilabile all’effetto dei cuscinetti a sfera, data la particolare conformazione a piccole sfere ghiacciate che può far slittare a valle la massa di neve fresca che eventualmente si accumula al di sopra successivamente.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette