Con la turbina portatile il campeggio diventa smart

Si chiama Waterlily ed è capace di generare energia dall'acqua e dal vento

| Redatto da

La lenta marcia della produzione di energia da fonti rinnovabili raggiunge un altro piccolo traguardo: una turbina portatile capace di ricaricare i dispositivi elettronici sfruttando il vento e l'acqua. Si chiama “Waterlily” ed è stata sviluppata dalla start-up canadese Seaformatics che oggi la vende come “il più piccolo dei generatori fuori rete” a un prezzo in pre-ordine di 119 dollari (108 euro). Non molti considerando il livello sempre maggiore di domanda e di consumo di energia dovuti alla rapida diffusione, negli ultimi anni, di dispositivi penalizzati da batterie a brevi durata. Unità sempre più potenti, ma che continuano ad aver bisogno di alimentatori portatili supplementari che, a loro volta, vanno ricaricati a una presa di corrente.

La turbina portatile

Con il vento o l'acqua il cellulare si ricarica

Al generatore di Seaformatics, che in questi prodotti è specializzata, bastano le correnti naturali del vento e dell'acqua di un fiume o di una cascata. Tutti elementi a disposizione di quei consumatori che passano molto tempo a contatto con la natura, come escursionisti, camperisti, canoisti e ciclisti, ma che non vogliono rinunciare ai dispositivi di uso quotidiano. Fornito di una presa USB, il piccolo generatore di energia pesa poco più di 800 grammi per un diametro di 17,78 centimetri e una potenza massima in uscita di 25 watt. Significa che in un fiume che scorre a 1 metro al secondo e sotto un vento che tira a 36 chilometri orari, la turbina riesce a raggiungere la sua potenza massima e a ricaricare la batteria di uno smartphone in due ore, e quella di una GoPro in appena 60 minuti.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette