Segnali di “irrequietezza” dal vulcano dei Campi Flegrei

La situazione dell'area è stata monitorata da un nuovo studio: il grado di allerta resta però lo stesso fissato dal 2012

| Redatto da Meteo.it

Aumentano i segnali di “irrequietezza” del vulcano dei Campi Flegrei, nel Napoletano. Ad analizzarne l’attività sono stati i ricercatori dell’University College London (Ucl) e dell'Osservatorio Vesuviano dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) che hanno pubblicato un nuovo studio al riguardo sulla rivista “Nature Communications”.

Uno scorcio dei Campi Flegrei

Nessun allarmismo

L’Ingv ha sottolineato però la necessità di non creare inutili allarmismi, visto che “la ricerca ha una valenza essenzialmente scientifica - come ha spiegato l’istituto in una nota - priva al momento di immediate implicazioni in merito agli aspetti di protezione civile". Ovviamente la situazione va monitorata perché l’allerta resta gialla, ossia di attenzione, lo stesso livello da quasi cinque anni a questa parte nell’area.

Difficili previsioni a lungo termine

La cautela del gruppo di ricercatori è giustificata dal fatto che lo studio ha effettivamente rilevato che ci sarebbe una dinamica in atto, ma non è ancora possibile stabilire se porterà ad un’eruzione nel lungo periodo. Le simulazioni indicano infatti che la situazione potrebbe anche evolvere in quella direzione, ma potrebbe rivelarsi un evento in linea con il precedente registrato nel 1538, molto più ridotto rispetto a quelli catastrofici che hanno generato l’ampia conca dei Campi Flegrei.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette