Tra Natale e Santo Stefano qualche pioggia al Centro-Sud

Tempo perturbato anche sulle regioni adriatiche. Poi, fino a inizio anno, alta pressione sull'Italia

| Redatto da Simone Abelli

La tendenza meteo dal 24 dicembre al 2 gennaio

Alla Vigilia di Natale l’Italia continuerà ad essere abbracciata dall’alta pressione che garantirà condizioni di tempo stabile e nebbioso con temperature in generale sopra la media. Nel frattempo una perturbazione si addosserà al versante estero dell’arco alpino. Questo sistema nuvoloso, nel suo procedere verso i Balcani, fra il giorno di Natale e il 26 tenderà a scivolare lungo la penisola andando a interessare principalmente le regioni adriatiche, ma anche buona parte del Centro-Sud, mentre le rimanenti regioni settentrionali, specie quelle nord-occidentali, rimarranno protette dalla barriera alpina. Il transito della perturbazione verrà accompagnato da un rinforzo dei venti più freddi nord-orientali che determineranno una generale diminuzione delle temperature; tuttavia, nonostante il calo termico, le nevicate resteranno confinate alle zone montuose appenniniche, oltre ai settori alpini di confine. Nei giorni successivi, fino all’inizio del nuovo anno, è probabile un nuovo graduale rinforzo dell’alta pressione, in particolare sull’Europa occidentale e centrale, ma con tendenza ad estendersi anche verso le nostre regioni centro-settentrionali e la Sardegna dove si prospetta una fase prolungata di tempo stabile e temperature sopra la media. Il Sud e la Sicilia, invece, continueranno a restare leggermente esposte alle più fresche correnti nord-orientali con tempo che si presenterà a tratti instabile.

IdA: < 65

La tendenza meteo dal 24 dicembre al 2 gennaio

Foto iStock/Getty Images

Ultime news

Le news più lette