Stati Generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio

Si è tenuto a Roma il convegno “Verso Parigi 2015. Stati generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio". Un’occasione d’importanza fondamentale: per la prima volta, infatti, il Governo italiano ha presentato il quadro dei rischi, delle azioni e delle opportunità, convocando il Sistema Italia per mettere i cambiamenti climatici al centro dell’attenzione della politica a livello nazionale

Organizzati da #italiasicura e dal Ministero dell'Ambiente, gli Stati Generali ha visto la partecipazione del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, del Sottosegretario alla Presidenza Claudio De Vincenti, di vari ministri come Graziano Delrio (Infrastrutture e Trasporti), Gian Luca Galletti (Ambiente), Stefania Giannini (Istruzione, Università e Ricerca), Federica Guidi (Sviluppo Economico), viceministro Andrea Olivero (Politiche agricole), i sottosegretari Ilaria Borletti Buitoni (ai beni e alle attività culturali e del turismo), Benedetto Della Vedova (Affari Esteri)

Stati Generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio | NEWS METEO.IT

Si legge proprio sul sito ufficiale di #italiasicura: “L’istituzione della Struttura di missione contro il dissesto Idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche e la nomina di tutti Presidenti di Regione a Commissari di Governo per gli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, ha permesso allo Stato di voltar pagina e di accelerare gli interventi necessari e urgenti per pianificare l’opera pubblica nazionale di cui l’Italia ha bisogno, coordinando il gioco di squadra con tutti gli enti e le amministrazioni competenti a vario titolo e in tutti i territori, con una decisa azione di stimolo, supporto, monitoraggio, controllo. Grazie anche alla stretta collaborazione con il Ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti, abbiamo raggiunto i primi risultati concreti”. E, a proposito dell’evento, #italiasicura afferma: “Sarà la prima tappa italiana verso l'appuntamento dell'Onu COP21 a Parigi nel prossimo mese di dicembre; il tema è ormai al oggetto di negoziati politico-diplomatici in corso che dovranno definire il nuovo accordo globale per il ‘raffreddamento' della temperatura del Pianeta mantenendola entro il limite di 2 gradi rispetto ai livelli preindustriali".

"L'Italia - spiega il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti - vuole essere protagonista nella sfida globale ai cambiamenti climatici. Per raggiungere alla Cop21 di Parigi un accordo vincolante tra gli Stati serve un grande gioco di squadra: da quell'intesa dipende la sicurezza del nostro ambiente, del territorio e dei cittadini". Per Erasmo D'Angelis, capo di #italiasicura, “gli effetti dei cambiamenti climatici sono ormai visibili anche nell'aumento degli eventi meteo catastrofici, un tempo estremi e oggi purtroppo ordinari, e nell'aumento dei costi per riparare i danni. Quella di Roma è l'occasione anche per presentare un nuovo scenario con un set di interventi e azioni per prevenire, difendere e tutelare meglio il nostro Paese"

Leggi anche:

• Enciclica "Laudato si'": il clima come bene comune

• Finora il 2015 è l'anno più caldo di sempre


Pubblicato da Meteo.it il 22 giugno 2015 

Redatto da Anna Maria Girelli Consolaro

Stati Generali sui cambiamenti climatici e la difesa del territorio | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette