Sei consigli per un bucato “eco-consapevole”

Le nostre dritte per non pesare sul pianeta e avere panni splendenti senza spendere un patrimonio

| Redatto da Meteo.it

Se si dovesse ancora fare il bucato come una volta, solo con acqua e sapone e completamente a mano, forse non si tenderebbe a lavare così spesso camicie e magliette. La lavatrice ha permesso alle famiglie di tutto il mondo di migliorare le condizioni igieniche, ma grava di più sul pianeta. Infatti, l'uso dell'elettrodomestico pesa sia per il consumo di acqua che di energia. Inoltre, anche il detersivo usato e la scelta di ricorrere all'asciugatrice possono fare la differenza.

Bastano poche attenzioni per avere un bucato perfetto e sostenibile

Ecco i nostri 6 consigli per un bucato eco-consapevole:

  1. Innanzitutto valutate cosa si può lavare a mano e cosa no: calzini e mutande possono essere sottratti al ciclo in lavatrice.
  2. Quando invece giunge il momento di ricorrere all'elettrodomestico, assicurarsi di caricarlo al massimo della sua capienza.
  3. Non selezionate temperature troppo alte, a meno che non si debba far fronte a sporco intenso. Più si scalda l'acqua e più energia si consuma.
  4. Per i lavaggi è meglio preferire le fasce orarie serali, momento in cui si inquina meno. Calando il consumo di corrente, si aiuta anche il funzionamento regolare della rete elettrica.
  5. Al termine del lavaggio i panni vanno stesi subito: in questo modo si potrà dar loro una forma che eviterà la stiratura e quindi un ulteriore spreco energetico.
  6. Per evitare l'uso dell'asciugatrice, stendete i panni il più in alto possibile in modo da sfruttare il flusso ascensionale dell'aria calda. Altro trucco è quello di sfruttare i caloriferi per asciugare gli indumenti bagnati, ma senza sovraccaricarli troppo per non rischiare di raffreddare l'ambiente.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette