L’impronta glaciale sotto i mari? La svela una foto 3D

Più di 200 immagini sono state generate da navi di ricerca grazie alla batimetria multibeam, capace di immortalare i fondali marini in 3-D e di osservare la storia glaciale di una regione.

| Redatto da Meteo.it

Osservare le antiche orme dei ghiacciai e degli iceberg sul fondo dei mari. Ora è possibile grazie a una nuova splendida collezione di immagini in 3D che immortalano come si sono evoluti i fondali marini nel corso dei secoli. Il progetto si chiama “Atlas of Submarine Glacial Landforms” ed è un vero e proprio atlante globale di paesaggi subacquei formati dai grossi ammassi di ghiaccio nella maggior parte delle regioni polari e subpolari della Terra. Si tratta di oltre 200 immagini, per lo più  catturate dalle navi di ricerca, di batimetrie rilevate con sistema multibeam, che raffigura le superfici dei fondali in 3D e fornisce, così, un profilo storico delle zone studiate.

Scansione marina 3D

Con questo metodo, per esempio, è possibile approfondire la formazione della particolare asimmetria dei depositi glaciali chiamati “drumlin” nel golfo di Botnia, tra la Svezia e la Finlandia. L'esame delle immagini ha rivelato che in quella specifica zona di mare il ghiaccio scorreva in direzione sud, verso un ghiacciaio più ampio nel Mar Baltico.

Sono centinaia le zone coperte dall'atlante pari a una porzione di superficie marina della grandezza della Gran Bretagna. Secondo Kelly A. Hogan, una dei geofisici marini che hanno partecipato alla stesura dell'atlante, l'importanza del progetto va oltre la bellezza delle immagini che vi sono contenute, ma consiste nella sua valenza scientifica per futuri studi sulla storia glaciale da parte di scienziati e ricercatori.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette