Una nuova cometa "verde" è in volo nei nostri cieli

È la C/2015 V2 Johnson, che a giugno raggiungerà la distanza minima dalla Terra di 120 milioni di chilometri

| Redatto da Meteo.it

Un fascio di luce verde brillante tra le stelle che illuminano il cielo. Uno spettacolo di rara bellezza che i fenomeni dello spazio offriranno agli abitanti della Terra per la seconda volta in pochi mesi. Dopo il passaggio della cometa 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak, avvenuto lo scorso aprile, c'è infatti già un nuovo corpo celeste pronto ad attraversare i nostri cieli con la sua luminescenza colorata: è la cometa C/2015 V2 Johnson.

Il passaggio di una cometa

Visibile dalla Terra

La cometa è diretta verso il Sole con una traiettoria che la porterà sufficientemente vicino alla Terra da poter essere osservata dagli abitanti del pianeta. Il fenomeno è reso possibile grazie al fatto che, proprio come per la precedente 41P/Tuttle-Giacobini-Kresak, anche questa cometa è composta da molecole di carbonio rese fluorescenti dai raggi solari. La C/2015 V2 Johnson prende il nome da Jess Johnson, l'astronomo che la scoprì nel 2015 e che è attualmente in forza al programma di ricerca “Catalina Sky Survey” dell'Università dell'Arizona.

Il momento di maggior vicinanza

Secondo quanto spiegato dall'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del progetto “Virtual Telescope”, “la cometa raggiungerà la minima distanza dalla Terra nella prima settimana di giugno, quando si troverà a 120 milioni di chilometri dal nostro pianeta”. Il passaggio successivo è quello che la porterà, il prossimo 12 giugno, alla distanza di 245 milioni di chilometri dal Sole. Attualmente, come ha osservato Masi, la cometa è visibile tra le stelle di due costellazioni tipiche della primavera, Ercole e Boote e al momento della minima distanza dalla Terra sarà vicina alla luminosa stella Arturo. Dall'Italia il fenomeno sarà visibile fino a luglio quando poi passerà nell'emisfero sud.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette