Neve: Pericolo valanghe sulle Alpi di confine

Rischio confinato sulle zone lungo la cresta di confine, marcato in Austria, Svizzera e Alto Adige

| Redatto da Meteo.it

L’ondata di gelo sta lasciando a secco il Nord e le Alpi, ad eccezione dei versanti  esteri dove è caduta un po’ di neve.

Il vento è stato il vero protagonista di questa settimana, il pericolo valanghe a causa di ciò risulta essere marcato (grado 3) sulle creste di confine in Austria, Svizzera e Alto Adige, invece (grado 2) moderato sul resto dell’arco alpino di confine. In tutta l’area prealpina invece il pericolo è 1 (debole). Il pericolo maggiore si riscontra oltre 2000 m della fascia alpina dove i forti venti dai quadranti settentrionali hanno generato lastroni di neve staccabili anche con debole sovraccarico. L’Arco Alpino Centro-Orientale presenta un innevamento naturale scarso e significativo solo oltre i 2300 - 2400 m per cui il pericolo valanghe risulta generalmente debole (grado 1) o assente, dovuto a piccoli e ben localizzati lastroni da vento. Buon innevamento naturale oltre i 1600 m solo nelle Alpi Occidentali.

Altrove sulle Alpi la neve è la grande assente e si sta presentando una grave situazione di siccità: la mancanza di precipitazioni ormai da lungo tempo ha riarso piante, boschi e terreno, oltre a creare un pesante deficit per le riserve idriche.

► Bollettino Neve

Neve: Pericolo valanghe sulle Alpi di confine | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette