Nasce l'Asteroid Day

Il 30 giugno 2015 verrà ricordato come il primo Asteroid Day, un evento mondiale

Il 30 giugno 2015 rimarrà nella storia come il primo “Asteroid Day”

Un gruppo di scienziati, astronauti e artisti, guidati dall’ex chitarrista dei Queen Brian May (con dottorato di astrofisica alle spalle) e dal film-maker Grigorij Richters, ha deciso di organizzare un evento di portata mondiale per ricordare i rischi che corre il nostro Pianeta. La data non è stata scelta a caso ma vuole riportarci al 30 giugno del lontano 1908 quando sui cieli di Tunguska, in Siberia, si scatenò una violentissima esplosione.

Avvenne alle ore 7:14 (ora locale) nelle vicinanze del fiume Podkamennaja Tunguska, abbattendo 60-80 milioni di alberi su una superficie di 2.150 chilometri quadrati. Un'esplosione di questa portata, stimata dagli studiosi tra i 10 e i 15 megatoni, pari a circa mille bombe di Hiroshima messe insieme, avvenne a un’altitudine di 5-10 chilometri; avrebbe potuto essere assimilabile a un terremoto di grado 5 della scala Richter, in grado di distruggere una grande area metropolitana.

Il rumore dell'esplosione fu udito a mille chilometri di distanza. A 500 chilometri alcuni testimoni affermarono di avere udito un sordo scoppio e avere visto sollevarsi una nube di fumo all'orizzonte. A 65 chilometri il testimone Semen Semenov raccontò di aver visto in una prima fase il cielo spaccarsi in due, un grande fuoco coprire la foresta e in un secondo tempo notò che il cielo si era richiuso, udì un fragoroso boato e si sentì sollevare e spostare fino a qualche metro di distanza. L'onda d'urto fece quasi deragliare alcuni convogli della Ferrovia Transiberiana a 600 km dal punto di impatto. Altri effetti si percepirono persino a Londra, dove, in quel frangente, pur essendo mezzanotte il cielo era talmente chiaro e illuminato da poter leggere un giornale senza l'ausilio della luce artificiale.

Il 30 giugno 2015 verrà ricordato come il primo Asteroid Day, un evento mondiale

Lo scopo dell’iniziativa, con due appuntamenti principali a Londra e San Francisco e altri eventi in contemporanea in tutto il mondo, compresa l’Italia,  è sensibilizzare l’opinione pubblica sul pericolo che un asteroide possa entrare in rotta di collisione con la Terra. Come già accaduto numerose volte nella storia del Pianeta, ad esempio circa 65 milioni di anni fa, con l’impatto che ha provocato l’estinzione dei dinosauri. Per l’occasione, gli scienziati dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) a disposizione per le domande degli appassionati, inviate via Twitter attraverso l’hashtag #AskESA. 

Nasce l'Asteroid Day | NEWS METEO.IT

Si legge nel manifesto stilato per l’Asteroid Day, che i promotori, astronauti, premi Nobel, artisti e semplici cittadini, invitano a sottoscrivere online: “Gli asteroidi impattano sulla Terra: senza interventi, questi impatti provocheranno enormi danni alle nostre società, comunità e famiglie. Esistono un milione di asteroidi nel nostro Sistema solare, potenzialmente in grado di colpire la Terra e distruggere una città. Finora ne abbiamo scoperti meno di 10mila, appena l’1%. Tuttavia a differenza di altri disastri naturali, in questo caso sappiamo come scongiurare il rischio, e abbiamo a disposizione la tecnologia per cambiare la situazione”.  
L’ambizioso progetto dell’Asteroid Day è intensificare il programma di tracciatura dei cosiddetti “Near-Earth asteroids” – i corpi più vicini alla Terra, la cui traiettoria potrebbe pericolosamente incrociare l’orbita del nostro Pianeta – fino a catalogarne 100mila l’anno, entro i prossimi dieci anni.

Nasce l'Asteroid Day | NEWS METEO.IT

Intanto per il 7 luglio è previsto il passaggio dell'asteroide 2015 HM10 delle dimensioni di 81 metri, che passerà alla distanza di 1.1 LD (distanza Terra-Luna, 384000 Km).

 

Redatto in data 30 giugno da Stefania Andriola 

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette