Ultimo weekend di ottobre molto turbolento: vento forte e sbalzi termici

Arriveranno poche piogge ma soffieranno venti forti con notevoli sbalzi termici tra un giorno e l'altro

| Redatto da Meteo.it

La tendenza

Sarà un weekend molto turbolento: l'Italia verrà sfiorata da due impulsi perturbati che porteranno poche piogge ma molto vento. Sabato il vento da nord si intensificherà soprattutto al Centro-Sud e le correnti che seguono l'arrivo della quinta perturbazione di ottobre determineranno anche un generale calo delle temperature più sensibile nelle regioni adriatiche.
Tra domenica e lunedì però un altro impulso
, a carattere di fronte freddo investirà l’Europa centrale e orientale, mentre coinvolgerà solo marginalmente l’Italia con effetti che si avvertiranno essenzialmente per l'aumento del vento e per i vistosi sbalzi termici: un marcato rialzo delle temperature domenica, associato ad una intensa ventilazione sud-occidentale, sarà seguito da un altrettanto drastico calo termico nella giornata di lunedì quando le correnti si disporranno tra nord nord-est, facendo affluire parte dell’aria fredda che nel frattempo avrà raggiunto l’Europa continentale. Ancora una volta a mancare saranno soprattutto le piogge: al momento, infatti, la tendenza a lungo termine propende per una assenza di precipitazioni incisive ancora fino alla prossima settimana.

La tendenza

Sabato al Centro-Nord, su Campania e Sardegna cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso salvo il passaggio di innocue velature, localmente più estese e dense all'estremo Nord-Est e, a fine giornata, un po’ su tutte le regioni settentrionali. Nel resto del Sud e sulla Sicilia cielo irregolarmente nuvoloso con addensamenti più consistenti sull'Isola e locali deboli precipitazioni al mattino nel settore settentrionale. Venti dai quadranti settentrionali, moderati o localmente forti al Sud e nelle Isole; al mattino anche nelle regioni centrali dove tenderanno ad attenuarsi. Temperature in generale diminuzione, più sensibile sul settore del medio-basso versante adriatico.

Domenica la giornata risulterà ben soleggiata nelle regioni adriatiche. Tempo abbastanza buono anche in Valpadana, dove a tratti il cielo potrà risultare velato; cielo irregolarmente nuvoloso nel settore alpino, all'estremo Nord-Est, nelle regioni tirreniche e nei settori occidentali delle isole con qualche debole isolata pioviggine tra bassa Campania e alta Calabria. Locali precipitazioni anche lungo il settore alpino di confine tra Alto Adige e Friuli, nevosa ad alta quota. Venti da moderati a forti, in prevalenza occidentali in tutto il Centro-Sud, fino a burrascosi sulla Sardegna; venti tempestosi da nord-ovest nelle Alpi, episodi di Föhn al Nord-Ovest e sul versante padano e adriatico dell’Appennino. Temperature in generale rialzo anche sensibile al Nord-Ovest, in Emilia Romagna e nelle regioni centrali adriatiche dove si potrebbero superare i 25 gradi, complice l’effetto Föhn.

Nella notte tra domenica e lunedì la rotazione dei venti ai quadranti settentrionali favorirà l’afflusso graduale di aria più fredda sull'Italia a partire dal mare Adriatico e dalle regioni di Nord-Est e una progressiva diminuzione delle temperature che si avvertirà soprattutto nella giornata di lunedì.

Ultimo weekend di ottobre molto turbolento: vento forte e sbalzi termici  | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette