Meteo Italia del 6 gennaio. Bufera dell'Epifania: al via la fase più intensa

Le prossime 48 ore saranno le più critiche con giornate di ghiaccio e gelo in molte zone e con neve in arrivo fino al livello del mare

| Redatto da Meteo.it

La massa d’aria di origine artica che sta affluendo insieme alla perturbazione n°2 di gennaio sta dilagando rapidamente su tutta l’Italia con il suo limite più avanzato che nella giornata di venerdì arriverà fino in Tunisia e Libia. L’aria gelida stazionerà per tutto il fine settimana mantenendo temperature al di sotto delle medie stagionali. Il picco di freddo è atteso per la giornata di sabato; nelle giornate successive la morsa del gelo e del vento andrà attenuandosi lentamente ma per avere un rialzo termico sul medio adriatico e al Sud bisognerà aspettare l’inizio di settimana. L’aria gelida che sta affluendo è di origine continentale e quindi relativamente asciutta, ma che poi si arricchisce di umidità transitando sull’Adriatico, sullo Ionio e sul Tirreno meridionale, creando le condizioni per nevicate a quote insolitamente basse perfino sulla Sicilia (del tutto simile all’”Effetto Neve” dei Grandi Laghi nord americani).

Controlla il Bollettino Neve aggiornato

Meteo Italia del 6 gennaio. Bufera dell'Epifania: al via la fase più intensa | NEWS METEO.IT

Previsioni per venerdì. Cielo sereno o poco nuvoloso al Nord, sulla fascia centrale tirrenica e nell'ovest della Sardegna. Il settore adriatico, le regioni meridionali e la Sicilia sono interessate da nuvolosità variabile accompagnata da rovesci nevosi fino al livello del mare. Su Calabria meridionale e Sicilia quota neve inizialmente fino a 200-300 metri ma localmente anche fino al livello del mare nella seconda parte della giornata.

Venti gelidi fino a burrascosi al Centrosud, in Sicilia e sulla Sardegna tirrenica; venti in indebolimento al Nord. Temperature ovunque in ulteriore e forte calo: valori sensibilmente sotto media al Centrosud. Le massime non supereranno i 3-5 gradi nelle aree soleggiate del Nord e del settore centrale tirrenico, mentre resteranno attorno allo zero o al di sotto nelle aree interessate dalle nevicate delle regioni peninsulari. Mari da molto mossi a molto agitati fino a grosso il canale di Sicilia. Possibili mareggiate lungo le coste del medio-basso adriatico e della Sicilia settentrionale.

Meteo Italia del 6 gennaio. Bufera dell'Epifania: al via la fase più intensa | NEWS METEO.IT

Previsioni per sabato. Nella prima parte del giorno ancora possibili nevicate intermittenti fino al livello del mare su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, alto versante ionico della Calabria e tra Calabria meridionale e nord della Sicilia. Tendenza a fenomeni sempre più scarsi e isolati nella seconda parte della giornata. Nella notte la neve potrebbe ancora interessare esclusivamente Puglia meridionale, crotonese e monti del messinese. Nel resto del Paese tempo abbastanza soleggiato con un aumento della nuvolosità fin dal mattino su Liguria, coste dell’alta Toscana e Sardegna. Tra sera e notte qualche passaggio nuvoloso in più anche nel resto del centro nord; in particolare nubi in addensamento sulle Alpi centrali con qualche fiocco di neve nelle zone di confine della Valle d’Aosta e dell’Alto Adige. I venti settentrionali cominceranno ad attenuarsi ma soffieranno ancora moderati o forti sul medio Adriatico, al Sud e sulla Sicilia. Clima gelido con gelate intense e diffuse di notte e al mattino al Centronord e localmente anche al Sud e massime, nelle zone soleggiate, poco sopra lo zero.

Meteo Italia del 6 gennaio. Bufera dell'Epifania: al via la fase più intensa | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette